C'è un bambino nella pancia della mamma?

C'è un bambino nella pancia della mamma?
Simone e Gaspare sono due fratellini; Simone è il primogenito e va a scuola, Gaspare è più piccolo. Una mattina mamma e papà li avvisano che presto avranno un nuovo fratellino o una nuova sorellina. Simone non reagisce, non sa cosa pensare, l’unica domanda che gli sorge spontanea è sapere come nascono i bambini. Ma quando prova a fare questa domanda, il padre rimanda la risposta a più tardi in modo piuttosto imbarazzato. Così il coniglietto a scuola è distratto e si dimentica persino della ricreazione. La sua compagna Lulù se ne accorge e Simone allora si confida con lei. Lulù è una piccola saputella e spiega all’amico nel dettaglio come nascono i bambini. Dopo la spiegazione, Simone corre a giocare con i suoi compagni e dimentica la cosa. Quando però la sera torna a casa, anticipa il padre dicendogli "Non devi spiegarmi più niente, so già tutto!”, e a Gaspare decide che glielo spiegherà lui quando sarà più grande.
L'americana, parigina adottiva, Stephanie Blake è autrice di altri notissimi libri con un'impostazione simile, ad esempio Aaaah! Dal dentista no, Caccapupù, Pappamolla, Superconiglio: ogni albo illustrato affronta un argomento specifico (la paura, la nanna, i pidocchi, la nascita) ed ha sempre il coniglietto Simone come protagonista. La Blake in un’intervista per la casa editrice Babalibri, che pubblica i libri in Italia, ha dichiarato di prendere spunto dalla sua famiglia e dai fatti quotidiani che le capita di vivere e di osservare, e in effetti i temi sono tutti piuttosto "azzeccati". Nelle illustrazioni, vengono utilizzati colori molto vivaci che cambiano ad ogni pagina: i testi e le immagini risaltano su sfondi accesi, i tratti sono semplici e con pochissimi dettagli, mancano totalmente particolari che delimitano spazi o definiscono situazioni. Ma, mentre i primi libri della serie erano piacevoli, freschi, divertenti e molto accattivanti (anche se i testi non sono mai stati particolarmente curati), forse oggi le storie mostrano un po’ di stanchezza, dopo anni di “episodi” della vita di Simone senza variazioni significative. Sono libri adatti ai bambini della scuola materna.

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER