Carlo Cucito e la fiera del fumetto

A Picco Pernacchia è arrivato l’inverno e con questo anche l’influenza, che ha colpito metà della mitica seconda B della scuola Rodari inclusa la maestra Torchio. A fare il supplente arriva il maestro Lenny e il compito che assegna ai “superstiti” è un disegno sul futuro; i risultati sono così belli che il maestro propone una mostra in occasione della fiera del fumetto. Tutti accettano pieni di entusiasmo, anche perché i bambini avranno la possibilità di fare cosplay, ovvero mascherarsi nei loro personaggi preferiti. Ma dove prendere i vestiti? Il signor Tobia, il proprietario del negozio Abracadabra, possiede solo personaggi come Braccovaldo, Bill coyote o Zio Paperone, niente a che vedere con Supernova, Borot, o Z la Zanzara i supereroi dei fumetti moderni. Per fortuna nella seconda B è appena arrivato un nuovo compagno: Carlo Cucito, amante e esperto conoscitore di tessuti e bottoni, bambino dalla parlantina facile e i capelli a caschetto, non molto simpatico a dir la verità, ma abile con ago e filo e, si dice, sia addirittura figlio di Corrado Cucito, il famosissimo stilista che è da poco arrivato a Picco Pernacchia. Carlo Cucito accetta la difficile missione e impiega ore e notti a cucire abiti che assomigliano il più possibile agli eroi dei suoi compagni di classe, per far colpo su di loro ed essere finalmente accettato. E il giorno dell’inaugurazione della mostra la sfilata sarà davvero sorprendente!

Gli appassionati della collana Quelli della Rodari conoscono bene la mitica seconda B, un mix di personalità stravaganti e simpatia. Ogni libro racconta la storia di uno degli alunni, delineando le caratteristiche, le passioni, le paure di ognuno. Così, pur mantenendo gli stessi protagonisti, viene dato modo al lettore di conoscere “personalmente” tutta la classe. Ogni avventura è raccontata da autori diversi, così le narrazioni assumono sfumature linguistiche e stili diversi. Comune a tutti i libri sono l’umorismo, la semplicità e la forte amicizia tra i personaggi. Le illustrazioni presenti nei libri sono affidate a Laura Re, che con ironia e fantasia è riuscita a ben delineare tutti i personaggi, dando loro una propria personalità anche dal punto di vista grafico. Storie divertenti, piene di coraggio e di amicizia adatte a bambini già a partire da un secondo ciclo della scuola primaria.

 


 

0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER