C'era, c'è e ci sarà

C'era, c'è e ci sarà
Le fiabe possono nascere da altre fiabe, le rime da giochi di parole, i personaggi dagli scherzi e il senso dal nonsenso. Ma tutto spesso comincia con “C’era una volta”. C’era una volta un pesce felice nell’acqua pulita: cercava forse una via d’uscita? C'era un Uccellino Blu – le ali blu, le zampe blu, le piume blu... perfino il cinguettio blu. C'era una volta un nano burlone, una tartaruga lentipassi, c’era il modo per raccontare le storie. I personaggi delle fiabe, loro c'erano tutti, dai sette nani ai musicanti di Brema, e con loro tanti altri animali strani: il pescemale caneducato, i matti gatti saggi, le mucche che fanno ginnastica. Il naso Tommaso, e ancora tante storie, vecchie e nuove, che c'erano, ci sono e ci saranno.

Con lo spirito di un maestro che condivide con i suoi ragazzi il gusto e l’imprevisto delle parole, Pietro Formentini consegna a questo libro una serie di giochi, esperimenti, variazioni sul tema della fiaba e della parola che crea la storia. Un’opera aperta, in cui sono le domande esplicite che, commentando le fiabe, aprono il dialogo con il lettore, implicitamente invitato a proseguire il gioco di riscrivere, fare versi (nel senso della poesia ma anche dei rumori!) e inventare. Lungo le sezioni del libro, contraddistinte da quattro colori (una introduttiva, una dedicata alle fiabe, una soprattutto agli animali fantastici e una all’invenzione delle storie) i disegni di Milena Pasini, fatti di forme strappate e ritagliate, dai colori accesi, sembrano stare al gioco delle parole, aumentandone il potenziale e la soddisfazione.

 

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER