The Golden Legend ‒ L’avversario

The Golden Legend ‒ L’avversario

Da quando ha perso i suoi genitori, il dodicenne Jay vive insieme alla stravagante zia Tentenna su un barcone e soli al mondo zia e nipote se ne vanno in giro, cambiando porti e città… ma mai a caso. La zia, che è un artista, sostiene convintamente di inseguire un richiamo e dopo un estenuante viaggio, l’istinto li ha fatti approdare nella grande e misteriosa città. È notte, la stanchezza è tanta, ma di dormire non se ne parla. Il sonno di Jay viene interrotto da una serie di boati e bagliori in lontananza. Che sarà mai affrontare la palude nel buio della notte per uno come Jay, che prima di addormentarsi legge i fumetti di Swamp Thing? Nella piena consapevolezza dell’imprudenza che sta per commettere, il ragazzo sale in sella alla sua vecchia bicicletta e si dirige verso il punto da cui provengono i rumori. In men che non si dica, Jay si ritrova nel posto sbagliato al momento peggiore, tra creature a dir poco particolari: una donna dai capelli argentei, che si allungano a dismisura e colpiscono come fruste uomini vestiti di nero, tutti uguali e incappucciati. Accanto alla donna, un gigante in jeans brandisce una spada infuocata contro gli improbabili figuri imbacuccati. Nella concitazione dello scontro, il ragazzino non riesce a evitare che una goccia del sangue di uno degli incappucciati gli cada sul braccio. Jay sente la carne bruciare. Cade, si rialza, si sente stordito, ma una voce lo rassicura, gli dà qualcosa da bere e il dolore scompare. Quando riprende conoscenza, il ragazzo è già nella cabina del barcone. Chi lo ha portato fin lì? È stato solo un sogno o ha davvero assistito a una battaglia tra creature dai poteri speciali? Proprio sul braccio, nel punto esatto in cui ricordava di avere sentito il dolore, una cicatrice grande come una moneta gli conferma che è tutto vero, non è stato solo un incubo…

La sua bibliografia conta decine e decine di pubblicazioni, romanzi, racconti, libri gioco, tradotti in venti lingue e letti in tutto il mondo: Pier Domenico Baccalario è una fonte inesauribile di storie per ragazzi e non solo. È una penna che non si ferma mai e firma collane di successo, da Ulysses Moore a I gialli di vicolo Voltaire per citarne solo un paio. Una voglia di raccontare nata in famiglia, tra le migliaia di libri della biblioteca di casa. Da piccolino, la madre lo coinvolse nello scrivere storielle di famiglia a quattro mani e sui banchi di scuola, al Liceo, sono nate le sue prime storie, scritte di nascosto, fingendo di prendere appunti. L’Avversario è la prima puntata della nuova serie ideata dal genio Baccalario, The Golden Legend. Riprendendo il titolo del testo del XIII secolo di Jacobus de Voragine sulla storia dei santi, le avventure del dodicenne Jay raccontano della battaglia tra il bene e il male. E sotto le sembianze di supereroi in incognito, i Sette Pescatori, ovvero, i santi combattono i nuovi diavoli con poteri speciali, fiaschette con pozioni guaritrici, schede magiche e la forza contagiosa della bellezza: quella dell’amicizia, dell’accoglienza, del sentirsi diverso tra i diversi e quindi, uguale agli altri, del divertimento vero e semplice di una partita a calcetto tra amici, al campetto della parrocchia.



0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER