I lupi arrivano col freddo

Il giovane Fuad è un adolescente come tanti altri. Vive a Diyarbakir, capitale dimenticata del popolo curdo in Turchia, nella routine della baraccopoli tra le antiche mura della città. Le cose cambiano quando suo padre, in preda alla rabbia, accoltella un poco di buono che ha aggredito e ferito a morte sua sorella Gul. L’intera famiglia è in subbuglio. Suo fratello Sinon, membro irreprensibile della polizia turca, ha l’ingrato compito di arrestare il padre. Suo fratello Rejep, seguace della fazione ribelle dei PKK, rivendica l’amicizia con l’uomo accoltellato. Sua madre sembra invece incapace di reagire alla situazione. Da allora, Fuad vive con lei, ben consapevole di dover un giorno fare una scelta importante e seguire le orme di uno dei suoi due fratelli. Ma quale sarà la migliore? La regolarità del regime turco o la ribellione per l’indipendenza del popolo curdo? Un giorno, preso dai suoi pensieri e stufo della immancabile zuppa di verdura, Fuad si apposta sul tetto di una baracca con il suo fucile e decide di mirare ad una gallina. Al momento dello sparo, però, si alza subito l’urlo di una donna. Fuad segue la scena sconvolto e incredulo e, quando vede un bambino a terra, capisce che la sua unica strada è la fuga tra i tetti. Inizia quindi il viaggio di Fuad, che lo porterà ad attraversare la Turchia con due improbabili compagni di avventura: Burak, aspirante guerrigliero del PKK, e Kemal, giovane con un difficile rapporto con il padre violento. L’unico punto di riferimento in questa fuga da tutto e da tutti è Omar, un uomo molto rispettato ma misterioso, che scompare e riappare nelle diverse tappe del lungo pellegrinaggio fino al confine orientale del paese…
Sofia Gallo è una scrittrice torinese, oltre che consulente editoriale ed insegnante. Da sempre vicina alle problematiche interculturali ed amante dei viaggi, approfitta delle lunghe camminate in montagna e dei numerosi viaggi per trarre ispirazione per i suoi romanzi. E sono proprio i giovani i principali destinatari dei suoi libri: molti, pluripremiati ma soprattutto veri. I lupi arrivano col freddo è un chiaro esempio di come passato e presente possano essere raccontati ai ragazzi in modo semplice e coinvolgente. Attraverso gli occhi del giovane Fuad, infatti, Sofia Gallo descrive la complessa storia di un popolo senza patria ed in continua lotta per la propria indipendenza. L’emblema di questa lotta, che in questo sfugge ai dualismi bene/male o giusto/sbagliato, è rappresentato dalla scelta dei due fratelli di Fuad di appartenere a due fazioni antagoniste: due ideali così diversi e così profondamente radicati nella cultura turca. Fuad rappresenta la differenza. Vuole essere diverso e risolve la sua confusione interiore seguendo il miraggio di una vita normale, fatta di amore e di lavoro. In questo affascinante viaggio tra cattedrali del deserto e personaggi ai confini del mondo, l'autrice racconta con precisione e sapienza la Turchia come una realtà al confine tra Europa e Medio Oriente, come una terra di regimi e minoranze in cui Fuad sceglie, da ragazzo, il suo destino.

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER