Il giardino curioso

Il giardino curioso

Liam abita in una città grigia, un posto triste dove quasi tutti gli abitanti passano il proprio tempo chiusi delle proprie abitazioni, perché fuori non ci sono giardini né alberi. Liam è uno dei pochi che si ostina ad uscire: anche nei giorni piovosi, il bambino si aggira per la città col suo ombrello sulla testa e le galosce ai piedi. Un giorno, passeggiando dalle parti della ferrovia abbandonata, Liam scopre una scala che porta ai binari sopraelevati: si può salire! Ed è proprio quello che decide di fare questo bambino curioso. Lassù trova qualcosa che proprio non si aspettava: piante e fiori selvatici. Questi, in verità, sembrano alquanto sofferenti. Allora Liam decide di darsi da fare: si improvvisa giardiniere e comincia a prendersene cura. Passano i giorni, le settimane e anche le stagioni e Liam continua ad innaffiare e potare. Le piante sembrano apprezzare il suo lavoro paziente e scrupoloso e cominciano a rinvigorirsi. Ma questo non è un giardino come tutti gli altri, il giardino di Liam è curioso quanto lui e non rimane fermo lì: si muove lungo i binari della ferrovia...

La storia de Il giardino curioso è ispirata alla vera storia della High Line, un parco pubblico costruito nel 2009 sulla storica linea ferroviaria sopraelevata di Manhattan, salvata dalla demolizione grazie all’iniziativa degli abitanti del quartiere. Peter Brown la racconta, con grande stile, ai bambini dai 5 anni in su. A partire dalla prima tavola, disposta su due pagine affiancate, in cui l’autore rappresenta la città grigia, le immagini evolvono insieme alla storia, diventando sempre più colorate e ricche di particolari, fino alle ultime due pagine in cui viene riprodotta la stessa città, stessi palazzi, strade e terrazze, ma completamente trasformata dall’avanzata del giardino e, con questo, dei colori. In ogni immagine è possibile avvistare la testa rossa di Liam, sempre affaccendato in qualcosa e su ognuna ci si torna di continuo, per analizzare un nuovo particolare che è sfuggito ad un primo sguardo. Un libro che incuriosisce i bambini e li diverte, educandoli al rispetto della natura, con i suoi tempi e le sue attese: attraverso l’impegno, la costanza e la tenacia, il piccolo protagonista riesce a raggiungere obiettivi straordinari, coinvolgendo anche i suoi concittadini.



0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER