Il taccuino del piccolo scrittore

Il taccuino del piccolo scrittore

Se vuoi scrivere narrativa – piccolo scrittore – devi sapere che ci sono autori che trovano utile riempire le pagine velocemente, con qualsiasi cosa passi per la loro testa. Ce ne sono altri, invece, che partono titoli e poi sviluppano la storia. Devi anche sapere che ci sono un buon numero di “personaggi-tipo” che possono essere un buon punto di partenza per delineare i protagonisti di una storia: c’è il misterioso sconosciuto, il criminale dal cuore d’oro, lo scienziato pazzo, la ragazza/o della porta accanto, e molti altri (e si possono anche combinare diversi stereotipi nello stesso personaggio!)… i titoli di giornale o gli annunci possono darti degli spunti bellissimi (CERCASI. Tata per coppia di bambini adorabili. Conoscenze richieste: karate, saldature e primo soccorso)… utilissimo ti sarà poi sapere cosa sono i “cliffhanger” e come usarli (puoi tenere col fiato sospeso il tuo lettore con un bel colpo di scena (proprio come spesso fanno gli sceneggiatori delle serie tv): per esempio: chi sta per entrare nella stanza? Che verdetto emetterà la giuria? La bomba sarà disinnescata in tempo?

Il taccuino del piccolo scrittore è un libro con molti pregi, tra cui – cosa che non sempre è un pregio – la lunghezza: 112 pagine dense di materiale utile e originale. Il secondo pregio – è anche questa non è cosa da poco – è che il taccuino potrebbe essere usato con profitto anche da un grande aspirante scrittore. Il taccuino del piccolo scrittore è, infatti, un vero e proprio manuale di scrittura che si differenzia dai molti manuali di base che ci sono in circolazione per la struttura adatta ai più piccoli, la ricchezza dell’apparato iconografico (ogni pagina ha un layout grafico diverso, e sono moltissime le pagine di spunti e di esercizi) e, soprattutto, la semplicità degli esempi. Sono introdotti – attraverso immagini, didascalie e schemi molto semplici – gli argomenti principali per chi si vuole cimentare con la scrittura: la struttura della storia, i personaggi, i dialoghi, le descrizioni ecc. Ma, come detto, il punto forte sono i tantissimi esercizi che si possono svolgere anche direttamente sul taccuino: provare a scrivere in un posto insolito, riportare dei dialoghi sentiti per strada, aprire un libro e usare la prima frase che si legge come inizio per una storia… Notevoli sono anche i molti riferimenti, le citazioni e gli esempi presi dai grandi scrittori, classici e moderni (non tutti i piccoli scrittori gli coglieranno in pieno, ma stimoleranno sicuramente la loro curiosità). In conclusione, Il taccuino del piccolo scrittore è un libretto che molti di noi avrebbero voluto ricevere in regalo e che sicuramente sarà un aiuto e un incoraggiamento per i piccoli scrittori che sono alla ricerca di un posto per la loro fantasia.



0
 

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER