La bambina che aveva perso la voce

La bambina che aveva perso la voce
Perchè la voce cambia quando siamo tristi o arrabbiati? Esistono persone stonate? Com'è possibile parlare e cantare? Perchè la voce dei bambini è diversa da quella degli adulti? A cosa serve il silenzio? A queste e ad altre domande daranno risposta La voce di testa e La voce di petto, Le corde vocali, L'urlo, La lingua, Il diaframma e Il silenzio mentre cercano la loro amica La voce bianca che è scomparsa. Saranno accompagnati da Musica e da Madre Natura che li aiuteranno nella loro impresa. Si tratta di amici speciali che, anche se molto diversi tra loro, giocano insieme e in armonia per creare la meravigliosa magia del canto.
È il corpo il vero protagonista del libro, strutturato come un copione i cui personaggi sono attori che mettono in scena una storia che i piccoli lettori potranno divertirsi a rappresentare, aiutati dalle note di regia. Fernanda Calati, attrice, regista, cantante e autrice ha utilizzato la sua esperienza come  insegnante di recitazione e di canto per spiegare, in modo semplice e chiaro, i meccanismi che stanno alla base del mistero della voce, stimolando la curiosità dei ragazzi grazie all'entusiamo che emerge nitido dalle pagine. La lettura del testo è facilitata dai vivaci disegni di Allegra Agliardi, amica dell'autrice e vincitrice del premio come giovane illustratrice dell'anno al Festival dell'Illustrazione di Pavia. Le sagome che rappresentano i personaggi permettono una  fruizione veloce e immediata del copione, rendendo riconoscibili e familiari strumenti e concetti altrimenti astratti e difficili da immaginare; ogni personaggio si distingue poi per un carattere ben preciso, correlato alla sua funzione. Il dialogo tra i vari attori permette non soltanto di capire il funzionamento dell'apparato vocale, ma anche di stimolare l'attenzione per i suoni che ci circondano e di intuire il legame profondissimo che esiste tra voce ed emozione. La voce, così intimamente legata all'identità e ai cambiamenti che avvengono durante la crescita, alle insicurezze e ai sentimenti, diventa strumento per conoscere meglio se stessi, ponte fondamentale e insostituibile tra corpo e psiche, e potentissimo strumento comunicativo.

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER