La Lega degli Autodafé - Siamo tutti dei Propagatori

La Lega degli Autodafé - Siamo tutti dei Propagatori
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 

Alexander Vostokov fa l’archivista da che ne ha memoria, la biblioteca Nazionale a San Pietroburgo non ha segreti per lui, la memoria storica della Confraternita è sempre stata al sicuro: o così credeva. Ma adesso tutto è cambiato: da quando la Lega ha lanciato il Codice Nero è inesorabilmente iniziata la distruzione di archivi e biblioteche in tutto il mondo e nessuna è al riparo, anche questa è in pericolo. Alexander lo sa, lo sente. Un formicolio alle mani lo avverte che quella mattina sta per accadere qualcosa, e quando il guardiano Dimitri gli corre incontro a braccia spalancate e con l’aria incredula Alexander ha già capito: i libri, i manoscritti, gli incunaboli, tutto è andato in cenere, volatilizzati all’improvviso! Sugli scaffali solo ombre sulla polvere restano a ricordarne l’assenza… Auguste si trova sull’isola di Redonda da due settimane, ancora una volta è scampato alla minaccia della Lega ma il caldo umido e opprimente delle Antille non fa che acuire il senso di impotenza che lo invade. Ogni giorno una biblioteca scompare, ogni giorno parte del sapere custodito dalla Confraternita viene distrutto, ogni volta che si guarda allo specchio Gus sa di avere fallito…

L’epilogo della trilogia di Marine Carteron riprende le fila da dove il volume precedente ci aveva lasciato, con Auguste, Néné e Cèsarine oramai al sicuro su un’ isola; la novità è che la piccola Mars ha un nuovo amico, speciale unico e “artistico” come lei, si chiama Rama è un genio della musica e della matematica e vive sull’isola di Redonda insieme ad altre 46 persone di cui solo cinque adulti, come tiene a precisare la bambina nella sua prima pagina di diario. È vero, i Goonies hanno fatto scuola negli anni ‘80, affidare missioni impossibili a ragazzini intraprendenti e far vivere loro mirabolanti avventure è spesso arma che conquista i lettori, e non solo gli under 13. In questo capitolo conclusivo della lotta contro la Lega oscurantista degli Autodafé la ricerca del “Libro che non può essere letto” impegna i nostri eroi fino alla fine, in questa che è letteratura vera e non la versione edulcorata del mistery/noir over 18, bensì la prova che si può scrivere e si può farlo molto bene anche per un pubblico giovanissimo. Interessante l’ultimo lavoro della Carteron Dix (non ancora tradotto in italiano), una libera trasposizione di Dieci piccoli indiani di Agata Christie - piccola curiosità il titolo originale Ten little niggers è rimasto tale in francese, mentre in Italia si traduce la versione americana appunto Ten little indians, forse più politically correct! -, un escape game letterario con protagonisti sette adolescenti e tre adulti costretti su un’isola deserta e minacciosa, un noir che poco a che vedere con la trilogia degli Autodafé, ma incuriosisce molto.



0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER