Leo e Albertina

Leo e Albertina

Quando un maialino è innamorato, darebbe proprio tutto per essere notato dalla sua amata… ma se questo non accade è davvero un guaio. Proprio quello che capita al povero Leo, perso nel suo amore non corrisposto per la gallina Albertina e sprofondato in una sconfinata tristezza. Ma Leo decide di reagire e mettere fine alla desolazione e per conquistare Albertina va alla ricerca di consigli che possano tornargli utili da parte dei suoi amici della fattoria. Comincia allora a mettere in pratica i vari trucchi suggeritigli: si cimenta in appassionate serenate notturne come consigliato dal gallo, prova a curare il proprio aspetto su suggerimento del tacchino, si esibisce in fantastici tuffi come proposto dall’anatra… Eppure niente, Adelina ancora non lo degna di uno sguardo! Leo perde a quel punto proprio ogni speranza e avvilito si rassegna a mollare tutto. Ma quando incontra l’amico maiale Gastone, che felice di impiastricciarsi nel fango lo chiama per unirsi al gioco, Leo (che altro ha ormai da perdere?) in un attimo è anche lui nella pozza a rotolarsi, divertirsi, inzaccherarsi e ridere come non mai, dimenticando finalmente la sua tristezza. E proprio quando non pensa più ai suoi guai, qualcosa accade…

Piccola e deliziosa storiella che ci racconta quanto l’insicurezza possa minare la fiducia in se stessi e la possibilità di vivere sereni con il proprio bagaglio di risorse; una consapevolezza delle proprie risorse e dei propri limiti che, se acquisita con naturalezza, può renderci felici e farci raggiungere i nostri desideri molto più di tante strategie artefatte. Anche quando si superano stereotipi e si va decisamente fuori dagli schemi, come nel caso di Leo, il maialino dall’amore un po’ improbabile per una noncurante gallina… La francese Christine Davenier, autrice del testo del testo e delle illustrazioni, ha realizzato molti albi per l’infanzia, sempre con il gusto per il tratto rapido e indefinito, arricchito dalle larghe pennellate e campiture di colori acquerellati e fuori registro. Una bella storia pensato per i piccolissimi lettori per parlare "con un tocco di piuma" di autostima e senso di sé.

 

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER