A letto, piccolo mostro!

A letto, piccolo mostro!
“A letto, piccolo mostro! Guarda che ti prendo…”. Il figlio scappa e il papà non può far altro che inseguirlo. Inizia così, come tutte le sere, sempre la stessa storia. “No, in braccio no!”, “No, il bacio alla mamma no!”. Questo scatenato bimbo-mostro non ha proprio intenzione di andare a dormire...

A letto, piccolo mostro! è un albo divertente che dipinge in modo leggero una scena famigliare molto comune e, ahinoi, molto temuta da tutti i genitori: la messa a letto dei bambini. Così come nel suo stile, Mario Ramos ha realizzato innanzitutto una buona storia, affiancata da immagini semplici e comunicative che spiegano senza equivoci quello che succede: il figlio assume le sembianze di un piccolo mostro, sotto gli occhi a volte disperati, a volte arrabbiati, del papà. Inizia così un braccio di ferro fatto di “no”, di “ancora”, di “ho sete” da una parte, e di “sbrigati”, “non così”, “sempre questo” dall’altra. La sensazione che si ha, leggendo il libro per la prima volta, è di come i due protagonisti viaggino su due binari diversi, fin quando sembra esserci finalmente un punto di incontro. Ma il finale a sorpresa racconta forse un’altra storia: anche il piccolo mostro ha un suo punto di vista! Da questa lettura divertente può scaturire una riflessione più seria sulle modalità con le quali affrontiamo il delicato momento dell’andare a letto, ad alto tasso di capricci. E in quanto adulti fa riflettere sul fatto che anche i bambini ci osservano e ci giudicano. L’ironia, marchio di fabbrica dell’autore scomparso prematuramente nel 2012, ne rende la lettura adatta dai tre anni in su (ma forse anche prima...).

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER