L'incredibile bimbo mangia libri

L'incredibile bimbo mangia libri
Enrico è un bimbo come tanti, tranne che per una sua curiosa abitudine: non mangia verdure, pollo, gelati o pastasciutta: mangia solo libri. Dai racconti ai dizionari, dalle poesie ai manuali di matematica, con una predilezione per i libri dalla rilegatura rossa. Da quando ha scoperto che mangiando un libro ne assorbe tutto il sapere contenuto, Enrico è davvero insaziabile, e ne divora anche 4 o 5 alla volta sognando  di diventare il bambino più intelligente del mondo. Ma è in agguato una pericolosa indigestione, che farà cambiare idea al povero Enrico...
L'irlandese Oliver Jeffers è uno dei più quotati e creativi autori e illustratori per l'infanzia in attività: cosa che non sorprende, osservando la leggerezza e l'efficacia con le quali riesce in poche pagine a veicolare  messaggi come l'amore per la lettura e l'importanza dei libri – sui quali generazioni di comunicatori hanno sbattuto e sbattono le corna invano da decenni. Il piccolo protagonista scopre che i libri non sono (o perlomeno non devono essere) un mezzo per effettuare una scalata sociale, uno status symbol, un oggetto di potere, e che la lettura non è (soltanto) studio ed erudizione, ma soprattutto gioia, piacere, divertimento. I disegni che raffigurano i personaggi (e solo qualche oggetto attorno a loro giusto per dare l'idea delle diverse ambientazioni) sono vergati su superfici anomale: vecchi quaderni, fatture, fogli di carta millimetrata, pagine di vecchi vocabolari, copertine rigide di raccoglitori o registri, il che dona al tutto un irresistibile sapore vintage. Inutile dire che Enrico, il bambino protagonista della favola di Jeffers, ha da oggi un posto d'onore nel nostro cuore. Se non ci si aiuta tra mangialibri...

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER