Missione Vesta

Missione Vesta
Tommaso Perrando è un Maggiore della flotta spaziale euroamericana che, nonostante non abbia neanche venticinque anni, ha all'attivo ben sette missioni. Ha già volato in solitaria fino agli anelli di Saturno ed in teoria non dovrebbe aver paura di niente e di nessuno. Però, leggendo un paio di cose sulla scheda della nuova missione (la sua prima missione segreta), il maggiore  non può fare a meno di sentire puzza di bruciato. Secondo Andrej Blok, il suo responsabile, la missione infatti non prevede una data certa di rientro: potrebbe durare sei giorni come sei mesi. Inoltre è prevista anche la presenza di un passeggiero dell'identità segreta. Le perplessità aumentano quando Tommaso scopre che non si tratta di un anziano taciturno come sperava, ma di una ragazzina chiacchierona e ficcanaso. Perché l'hanno affidata lui? Cos'ha di tanto speciale da essere inclusa in un'operazione così importante? E soprattutto: come si fa a farla stare zitta?
Nata grazie alla collaborazione tra la casa editrice Coccole Book e la scuola di fotografia e comunicazioni visive CFP Bauer, che ha selezionato i tre giovani studenti autori delle immagini che arricchiscono il racconto, la storia di Anselmo Roveda potrebbe essere una buona occasione per testare l'indole alla fantascienza dei vostri piccoli lettori. La semplicità dei personaggi principali e dei loro dialoghi, mischiata alla complicata terminologia e alle atmosfere del paesaggio spaziale riprodotte dalle parole e dalle immagini, potrebbe infatti porre un ragazzino non abituato a questo tipo di ambientazioni di fronte ad un bivio obbligato: sentirsi confuso ed impotente come un astronauta sperduto nello spazio davanti ad espressioni o parole come "last briefing",  "esobiologi" e "modalità blind", o divorare le pagine affascinato, sognando di viaggiare un giorno su un'astronave identica a quella del Maggiore Perrando. Uno strano bivio, dal quale si può tornare indietro solo da una parte: infatti, se per i primi, crescendo, ci sarà comunque l'occasione di dare una seconda chance alla fantascienza, per i secondi non c'è più niente a fare: saranno costretti a nutrirsi per tutta la loro vita da lettori di massicce dosi di Dick, Asimov e compagnia bella.

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER