Nell’aria

Nell’aria
Le rondini volteggiano libere nell’aria, salgono e ridiscendono senza paura, aprono le ali per cogliere tutta la forza del vento. I fiori, grandi papaveri rossi, respirano aprendo il più possibile foglie e corolle, tendono verso l’alto gli steli. Dietro la finestra chiusa una fanciulla un poco medita, un poco ricorda: c’era un tempo nel quale tutto pareva possibile e la fiorituta sembrava imminente e totale, certa e ricca di promesse dopo il disgelo dell’inverno. Le risponde - da lontano - un ragazzo che si affaccia ad un’altra finestra: quando eravamo bambini riuscivamo ad immaginare di essere liberi, ora possiamo esserlo davvero, lo siamo.
Questo suggestivo illustrato, dal testo brevissimo e dalle molteplici possibilità di lettura, mi ricorda la celebre frase di Piero Calamandrei: “La libertà è come l’aria. Ci si accorge quanto vale quando incomincia a mancare”.  I due protagonisti, la fanciulla ed il ragazzo, sembra siano stati separati da qualcosa più forte di loro, forse irrimediabilmente. Tuttavia comunicano, perché la memoria, l’immaginazione, la fantasia superano le fratture dello spazio e del tempo. Questo sembra essere il messaggio fondamentale del libro, che non può essere definito dunque solo quale albo per bambini: è un illustrato per ogni età che si regge principalmente sulle illustrazioni suggestive, aperte ed ariose, costruite sul contrasto che oppone i toni del grigio e del tenue azzurro dell’inverno e delle lontananze ai toni caldi dei petali dei papaveri, e delle tende alle finestre. Le autrici del libro sono Giulia Belloni e Giovanna Ranaldi. La prima ha collaborato con diversi editori, da Meridiano Zero a Sartorio ad Alet.  Fa inoltre parte della giuria tecnica per la selezione della cinquina del Premio Campiello Giovani ed insegna scrittura creativa a Milano. Giovanna Ranaldi, romana, oltre ad essere illustratrice, è restauratrice di pitture e dipinti. Selezionata nel 2004 al premio internazionale d'illustrazione per l'infanzia “Scarpetta d'oro”, nel 2006 vince il premio speciale per l'espressività dell'immagine al concorso “Stephan Zavrel”.

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER