orma ramo roma amor

orma ramo roma amor

C'era una volta un fiume, il Tevere, che nato tra i faggi di un monte remoto piano piano si ingrossava, e diventava finalmente grande e maestoso proprio poco prima di giungere al mare. Proprio in cima a una collina là vicino sorgeva la città di Albalonga, fondata tanti anni prima dal profugo di Troia Enea, e governata ora dal saggio re Numitore. Ma suo fratello Amulio, invidioso, usurpò il trono e fece rinchiudere la figlia di Numitore, la bella Rea Silvia, in un convento di vestali. Qui la scopre il dio Marte, che invaghitosene la ingravida: nascono due gemelli, che vengono battezzati Romolo e Remo. Ma Amulio, venutolo a sapere, dà ordine di uccidere i neonati...

In un'alternanza tra prose e versi – scorrevoli e accattivanti le prime, suggestive e ficcanti le seconde – la storia della fondazione di Roma viene presentata dal veterano di mille favole Roberto Piumini in una veste davvero assai moderna, sebbene non rinunci a quella sanguinaria arcaicità contadina che ammanta da sempre il mito capitolino. È come se il volumetto – realizzato in collaborazione con Zètema Progetto Cultura e Comune di Roma – aprisse un canale di comunicazione privilegiato tra quei due bambini di più di due millenni fa, perseguitati senza avere colpe, abbandonati, allattati da una lupa disperata e adottati da una coppia di pastori fino ai giorni della vendetta e del fratricidio, e i bambini di oggi, acuti e precoci osservatori della realtà dall'alto di soffici divani. Le sghembe e 'pupazzettistiche' illustrazioni di Lucia Scuderi sono perfettamente funzionali alla narrazione, e si giovano di un utilizzo del colore capace di toccare corde emozionali profonde, proprio come la drammatica, cupa storia della nascita di Roma esige.



Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER