Piccola Einstein e l’uovo misterioso

Una grande testa che spunta dal largo collo di un vestito a righe verdi e arancioni, i capelli raccolti a fontanella e dei grandi occhiali verdi: la chiamano Piccola Einstein, appassionata di scienze e decisa a diventare tanto in gamba da vincere il premio Nobel. Quella è la sua strada: non ha dubbi quando la maestra chiede in classe “Cosa vorreste fare da grandi?”. Niente favole della buonanotte, la sera studia e osserva il cielo stellato; ogni occasione è buona per fare ricerche ed esperimenti, imbastiti con mezzi di fortuna, “che a volte riescono… e a volte no”. Un giorno, di ritorno dalla pasticceria, Piccola Einstein inciampa in un pacco smarrito, certamente arrivato da molto lontano. Subito comincia a indagare: chi avrà perso questo uovo misterioso? A quale specie di uccello potrà appartenere? Nessuno intorno a lei riesce ad aiutarla: non la sua famiglia, né i negozianti del quartiere. Nemmeno le sue ricerche portano a una soluzione. Piccola Einstein non si arrende: anche se non sa chi abbia perso la scatola può almeno scoprire a che specie appartenga l’uovo. Con l’aiuto di una lampada e un po’ di cartone, trova un ingegnoso modo di covarlo, e aspettare, lasciando tutti col fiato sospeso…

Molto simile, in questo, alla sua autrice, Piccola Einstein ha un volto caratterizzato dai grandi occhiali attraverso cui guardare il mondo con curiosità e dedizione. Il tratto, giocoso e fumettistico, è deciso quanto il personaggio, che ha idee e obiettivi ben chiari nonostante la giovane età. Dedicato a chiunque abbia un sogno e non abbia paura di distinguersi dagli altri per perseguirlo, Piccola Einstein punta a infrangere lo stereotipo che vuole le bambine appassionate solo di principesse e l’infanzia in generale interessata solo a passatempi come bambole e videogiochi. Non è un libro di scienze, e anche se gli esperimenti della futura superscienziata sono solo illustrati, una scheda finale dedicata al Premio Nobel svela l’intento almeno in parte didattico del libro. Eppure Piccola Einstein e l’uovo misterioso è un libro adatto anche a chi non legge ancora autonomamente: molto breve, punta tutto su un’illustrazione accattivante e tanto efficace da rendere il testo quasi superfluo, poco più che una didascalia di quanto le immagini già pienamente esprimono. Una breve storia che è solo la presentazione di questo simpatico personaggio, certamente destinato ad essere protagonista di altre avventure.



0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER