Piccole storie della foresta

Piccole storie della foresta

Scoiattolo va a svegliare Cagnolino, che sta dormendo nella sua comoda cuccia. È quasi l’alba, ma Scoiattolo sembra avere molta fretta e tanto entusiasmo. Sarà una lunga passeggiata, bisogna muoversi in tempo, così potranno vedere tantissimi animali. Devono raggiungere lo stagno ed arrivare fino dall’altra parte per incontrare il cugino di Scoiattolo e conoscere così i suoi nipotini appena nati. Cagnolino è ancora assonnato e non bada molto a dove mette le zampe. Sta per calpestare un piccolo cervo volante, ma Scoiattolo lo ferma in tempo e salva il piccolo insetto. Nella foresta, gli spiega, bisogna guardarsi intorno, guardare in alto e guardare in basso... ma una talpa ha appena messo la testa fuori dalla tana ed anche lui inciampa, cadendo poco più avanti sulla schiena di un riccio innocente. Nonostante la bua, Scoiattolo e Cagnolino continuano il loro viaggio, fino a che non incontrano un piccolo bruco. “È bello, non trovi?”, fa Scoiattolo. “Bleah! È disgustoso!”, risponde Cagnolino, ma un attimo dopo un uccellino cala dall'alto e velocemente afferra con il becco il piccolo bruco che si stava allontanando. “Non per tutti a quanto pare”, chiosa Scoiattolo, perché in fondo sulla foresta la sa lunga e Cagnolino ha ancora molto da imparare ed infatti poco dopo aver incontrato una martora, Cagnolino pare perplesso. Ha notato delle strane impronte sul terreno. E se fosse un mostro? Ma quale mostro, sono tracce di cinghiale, anzi è proprio un piccolo cinghiale ad illuminare Cagnolino: “La mia mamma rivolta la terra per trovare ghiande e vermi... Rimanete per merenda?”...

Sebbene sia nominalmente un libro per bambini Piccole storie della foresta è un bellissimo ‒ seppur breve ‒ libro per tutti. Una lettura piacevolissima che ci sa portare anche indietro con gli anni, ai tempi delle prime letture e delle prime scoperte che potevamo fare sfogliando qualche storia illustrata. La componente geniale è la struttura grafica. Ogni tavola è divisa in due parti, la parte superiore – più stretta – presenta delle vignette semplici e monocromatiche in cui si muovono e parlano i due protagonisti, descrivendo e spiegando quello che avviene nel resto della pagina, occupata da una illustrazione più pittorica e colorata che rappresenta l’animale che lo scoiattolo e il cagnolino hanno incontrato. Quindi abbiamo una sezione più narrativa ed esplicativa ed una più descrittiva ed illustrativa. In questo Bertolucci si muove da un tratto più semplice e fumettistico (che ricorda felicemente il Frank Cho di Liberty Meadows o il Jeff Smith di Bone) ad uno più elaborato e particolareggiato. A completamento della storia, in appendice, troviamo delle schede di approfondimento sugli animali della foresta che forniscono ulteriori informazioni per i più curiosi. Nella stessa collana è disponibile anche Piccole storie del mare, con la stessa metodologia e gli stessi protagonisti. Della coppia Frédéric Brrémaud - Federico Bertolucci, in Italia, sono reperibili anche i volumi di Love ‒ serie sempre dedicata agli animali ed edita dalle Edizioni BD ‒ rispettivamente dedicati al Leone, alla Volpe, alla Tigre e ai Dinosauri.



 

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER