Quaderno di un ripetente

Quaderno di un ripetente
Claudio si vuole vendicare. È stufo che le parole gli giochino sempre brutti scherzi: è stato addirittura bocciato e adesso si trova a ripetere la quinta elementare! Decide allora di creare un quaderno tutto suo in cui potere usare le parole in libertà, piegandole ai propri desideri. Dà libero sfogo alla fantasia parlando della scuola, di quell'angelo della sua compagna di classe Michela, della sua maestra impicciona e di sua sorella. Scrive storie inventate da lui, piccoli aneddoti e costruisce addirittura un vocabolario personale...
La forte personalità di Claudio emerge grazie alla creatività con cui manipola le parole, svelandone con irriverenza lati inaspettati. Attraverso i doppisensi, le parodie, i termini posti fuori contesto e tanti altri giochi, il bambino scopre il potere del linguaggio e della comicità. Sara Anna Benecino accompagna gli esperimenti linguistici, dalla grafica varia, con divertenti schizzi che, tra scarabocchi, cancellature, macchie d'inchiostro e liste di parole si intrufolano nel testo  per illustrare le bizzarre associazioni lessicali  create dalla fantasia del bambino. Claudio Comini - bibliotecario che spesso incontra i ragazzi per spingerli a giocare con la  lingua - ha scritto un libro simpatico frutto della sua esperienza con i ragazzi. L'idea alla base è un po' la stessa dei Draghi locopei, altro celebre libro sui giochi di parole: utilizzare i termini seguendo regole proprie del gioco e non della grammatica aiuta ad arricchire il lessico e ad imparare l'italiano in modo divertente. Nel libro si rintracciano molti spunti per educatori e insegnanti, ma, attenzione, Quaderno di un ripetente è molto divertente e quindi è più che adatto a ragazzini che già amano la lingua e la lettura e hanno confidenza con le parole. È più difficile, invece, che riesca a coinvolgere chi ha qualche difficoltà con lessico e grammatica e non è un fervido lettore: è il quaderno di un ripetente ma è improbabile che un piccolo ripetente "vero" riesca a cogliere autonomamente la comicità di molti giochi e sia spinto ad arrivare alla fine. Può darsi però che la lettura del quaderno in compagnia di un adulto che ama giocare potrà fare appassionare anche i più refrattari. E chissà che non scoprano, insieme a Claudio, che ripetere l'anno può riservare delle sorprese inaspettate!

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER