Quattro zampe, una testa, una corazza

Quattro zampe, una testa, una corazza
“Se perdo è la rovina, ma il gioco è un'arte ed io ne vado pazza”. Sono le tre del mattino a Francavilla a mare, e queste sono le ultime parole della tartaruga Marta prima di rimetterci  la corazza in una mano di poker. Tina propone la sfida e Marta accetta, rischia e perde. Non erbette e insalatine, la solita posta in gioco dei giovedì d'azzardo a casa sua, ma la SUA casa, il SUO carapace.  Trovare una nuova sistemazione - mentre Tina pensa ai lavori di ristrutturazione della sua nuova casa appena vinta - è tutt'altro che facile. Una buccia di melone? Le costerà l'attacco da parte di uno sciame di api agguerrite. Una locanda per topi? E significherà passare per una topa un po' racchia. Provare con i servizi sociali? Una lunga interminabile fila per avere un, decisamente troppo stretto, guscio di latta (altro che case popolari)... Quando ecco che ad un certo punto, Marta è tra gli umani, su un cuscino, nella cameretta di una bambina simpatica e tollerante. Marta può guardare le cose in modo diverso e, libera di girovagare nel giardino, incapperà in un irresistibile garage pieno di attrezzi e cianfrusaglie: tutto l'occorrente per corazzarsi per bene e per un collaudo di gran successo...
Quattro zampe, una testa, una corazza è una bella storia originale (e questo lo dobbiamo all'autrice Susanna Mattiangeli) ed è un prodotto editoriale che merita (grazie all'editore Lapis), anche per il coraggio della tecnica usata per le illustrazioni (merito del ponghista Gianluca Maruotti). In sostanza un bel lavoro di squadra per offrirci un racconto che ha ben due vite, una nel libro e l'altra nel più che valido dvd allegato (che offre anche un filmato delle fasi di realizzazione dei mini-set in plastilina: il coraggio di cui sopra). Quello che colpisce nel testo è il ritmo musicale (rap, decisamente); nel disegno è la morbidezza e la cura delle illustrazioni, ovvero scenografie e personaggi in plastilina. Nel dvd (rigorosamente dopo il libro), a dare una nuova vita alla stessa avventura che si è letta poco prima ci pensa un inaspettato duo voce e musica: Claudia Pandolfi che recita il testo e dà voce, EGREGIAMENTE (soprattutto per il Rospo), ai personaggi di questa storia; Roberto Angelini che l'accompagna con musiche originali. Poi la telecamera che anima gli scenari realizzati  in plastilina dall'illustratore (ponghista) Gianluca Maruotti, sui cui poggia (nel libro e nel dvd) il racconto di Susanna Mattiangeli, sottolineando la vita dietro i mille dettagli di queste splendide scenografie.

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER