Scurpiddu

Scurpiddu
Scurpiddu, che significa “sterpo, ramo secco” è il soprannome di Mommo, ragazzino di nove anni che Massaio Turi, di ritorno dai campi al tramonto, incontra accoccolato su un grande sasso, l'aria triste, i vestiti sdruciti e i piedi scalzi. Massaio Turi ha da poco perso il suo unico figlio ed è ben disposto nei confronti di Mommo, tanto che gli offre un impiego alla sua masseria: sarà “nuzzaru”, cioè custode dei tacchini. Scurpiddu, orfano di padre e abbandonato dalla mamma nell'anno della “mala annata”, è ben felice di accettare quel compito, che gli restituirà una casa e forse degli affetti, dopo i mesi trascorsi in solitudine a mendicare a Palagonia, dove aveva subito angherie e percosse dai ragazzi più grandi. Scurpiddu e Massaio Turi giungono alla masseria quando già scende la sera e la massaia aspetta il suo uomo con il lume acceso, mentre il fumo si alza  dal camino, come in un'arcadia virgiliana. Scurpiddu, felice della nuova occupazione, inganna le ore vuote del lavoro al pascolo confezionandosi un flauto di canna, imitando il canto degli uccelli e il frinire delle cicale, addomesticando una taccola che chiamerà Paola. Il ragazzo fa conoscenza e si lega d'affetto con zi' Girolamo, un vecchio che la notte, si dice, frequenti le “nonne”, le terribili streghe, e con “il Soldato”, nostalgico degli anni del servizio militare durante i quali aveva imparato a leggere e scrivere, che gli trasmette le sue conoscenze e gli svela il mondo narrato nei libri...
La storia di Mommo – Scurpiddu si snoda nella Sicilia di fine Ottocento, a volte descritta con bucolica nostalgia, a volte rappresentata come dura, faticosa, esigente con gli uomini che si affannano a domarla. Anche al bambino, che seguiremo nella sue trasformazioni in ragazzo, prima, e in giovane uomo poi, non saranno risparmiati momenti difficili. “Racconto che non è destinato soltanto ai ragazzi”, come scriveva Capuana nella prefazione alla prima edizione (1898), Scurpiddu è un'opera fondamentale della letteratura verista ed apre una strada che sarà feconda per Verga e Pirandello.

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER