Arthur King – Segni d’autore alla corte del King

Arthur King – Segni d’autore alla corte del King

Arthur King è appena arrivato al Teatro Rissa, assiste alle prove degli attori e cerca di evitare gli oggetti che volano dal palco. In realtà non è là per assistere allo spettacolo ma per incontrare il capocomico della compagnia, Mister Hill. A quanto pare l’uomo ha qualche informazione sul crudele killer di donne che si aggira da giorni per New Tokyo. Il vecchio attore gli rivela che il killer è in realtà un cyborg, come lui e come ce ne sono tanti in città. Arthur King non è esattamente un investigatore, ma si sente responsabile di tutte le nefandezze compiute da cyborg in ogni angolo dell’universo perché è proprio lui ad aver dato vita al primo prototipo, insieme a suo padre Orion King. Come spesso capita agli scienziati, la loro invenzione ha presto sviluppato potenzialità inattese e pericolose. Uomini forti, che possono essere ricostruiti migliaia di volte hanno infatti la capacità di cambiare volto alla società, così la scoperta è stata sfruttata da un uomo che desidera unicamente il potere supremo, Sandor III, che utilizza spesso i cyborg come mercenari al soldo del suo impero. Mister Hill conosce l’assassino perché lo ha incontrato in uno strano periodo della sua vita, molti anni prima, quando da campione di boxe di muscoli e ossa ha deciso di sfidare i cyborg nella lotta. Una sfida impari, che il campione noto come Acciaio sapeva di perdere già in partenza…

Cut-Up Publishing riporta in fumetteria uno dei fumetti più originali degli anni Novanta, Arthur King, in un’edizione deluxe cartonata in grande formato che ha l’onore di far conoscere ai nuovi lettori un personaggio che è rimasto sicuramente nel cuore di molti con le sue storie a cavallo fra fantascienza cyberpunk e space opera. La storia di questo fumetto comincia nel 1993, quando Lorenzo Bartoli e Andrea Domestici decidono di portare alla fiera del fumetto di Lucca (l’immensa Lucca Comics & Games che oggi conosciamo e che allora si svolgeva nel palazzetto comunale) il numero 0 di Arthur King, appena pubblicato da Cierre Editrice. Il successo fu così ampio (cinquemila copie vendute nei pochi giorni della fiera mercato) che il bizzarro scienziato è diventato in poco tempo punto di riferimento non solo per i lettori, che ogni mese attendevano con ansia una nuova avventura in edicola, ma anche per il panorama di sceneggiatori e disegnatori italiani che hanno fatto parte del team creativo. La particolarità delle storie presenti nella nuova edizione Cut-Up, che replica lo spirito inclusivo degli albi originali, è il gran numero di fumettisti che hanno firmato le storie presenti, fra cui Tito Faraci, Massimo Carnevale, Corrado Mastantuono e molti altri professionisti. Il punto forte di Arthur King, oltre alle storie d’avventura sempre diverse e mai banali, è l’umanità di cui l’ha dotato il suo creatore, Lorenzo Bartoli, capace di stringere perfino i cuori più duri (due storie esemplari: Venus e La parola e la spada). Nonostante siano passati 25 anni dalla sua creazione, nonostante il cyberpunk non sia oggi un genere che ha lo stesso appeal di quegli anni, in cui è letteralmente esploso nel mercato editoriale italiano (lo stesso Bartoli ha pubblicato alcuni romanzi di questo genere con Fanucci, con lo pseudonimo di Akira Mishima), l’universalità e la sincera lealtà dei sentimenti presenti fra le pagine rende Arthur King attualissimo e per nulla “vecchio” (se proprio volete vederlo con tutti i capelli bianchi, lo trovate nella storia Canto di un corpo lento), anche grazie all’impronta artistica decisamente singolare che Andrea Domestici ha dato a lui, ai suoi amici e a tutti gli ambienti presenti, futuristici e al tempo stesso fantasy. Un progetto editoriale che riporta in vita molto più che una storia a fumetti, arricchito dalle “fan art” artistiche di molti colleghi e disegnatori, che Domestici ha voluto dedicare alla moglie e alla figlia di Lorenzo Bartoli, prematuramente scomparso nel 2014.



0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER