Filastin

Filastin
Autore: 
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 

Palestina. Una donna che tiene in braccio un bambino, entrambi gli sguardi sono persi nel vuoto. Una donna che piange. Una donna le cui mani stringono un fiore, ed i cui occhi sono chiusi da metri e metri di filo spinato. Una donna in croce, una donna ferita. In ogni immagine un vecchio ci volta le spalle. Libano. Piovono forchette ed armi, un bimbo suona la tromba in un cimitero di musulmani e cristiani, la “T” di Beirut è una croce di cedro. Due donne si abbracciano, eppure sono di religione diversa. In ogni immagine un vecchio che ci volta le spalle. Paesi Arabi ed Occidente. Un barile di petrolio sul terreno lascia per terra stelle e strisce. Un aereo lancia bombe nel deserto. Un leader arabo srotola un tappeto a stelle e strisce. La sfinge porta un berretto, anche questo a stelle e strisce. In ogni immagine un vecchio ci volta le spalle. Petrolio. Un barile strozza un uomo. Dentro un barile cresce un fiore. Un soldato americano strozza un musulmano. In ogni immagine un vecchio ci volta le spalle. Valori universali. Uomini nudi pensano a cibo e vestiti, un uomo è fustigato con una spiga di grano, una donna è in prigione. In ogni immagine un vecchio ci volta le spalle...

Non è un elenco grezzo di parole vuote. È uno sprazzo di un mondo – il Medio Oriente – ai più sconosciuto. È il mondo in cui viviamo oggi, ma che è stato rappresentato anni fa da Naji Al-Ali. Palestinese (Filastin in arabo significa Palestina) di origine e di cuore, dovette abbandonare la sua terra a causa del riconoscimento dello Stato d’Israele nel 1948. Suo figlio si chiama Handala, ed è quel simpatico vecchietto che in ogni illustrazione ci volta le spalle. Nel mondo arabo, Handala è una celebrità, simbolo della lotta che da sempre ha diviso palestinesi ed israeliani. Naji Al-Ali è stato assassinato nel 1987 per questa sua personale resistenza e per il suo irrefrenabile attivismo politico. Le sue vignette tuttavia non sono morte con lui. Vivono nelle persone che ogni giorno si svegliano e tremano a causa dei continui rastrellamente, dei bombardamenti, nelle persone che sono sfruttate da un’economia crudele ed occidentalistica, vivono in tutti coloro che ancora oggi si attivano per la risoluzione dei conflitti, in coloro i quali perseverano con le più svariate forme d’arte incuranti della guerra. Filastin è molto più che una semplice serie di illustrazioni, è un’orazione civile, una fiaba di denuncia e speranza.



Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER