Intervista a Matteo Gubellini

Matteo Gubellini
Stordita nel fiume di immagini della Fiera del Libro di Bologna lo intravedo all'orizzonte: Matteo Gubellini è un funambolo in equilibrio perfetto sul filo sottile che lega le parole, ai disegni, alla musica... Lavora su tavole piene, in cui i personaggi popolano storie leggere, e il suo è un segno denso, affinché la parola possa procedere sicura sottraendosi al peso. Imbattermi nei suoi lavori è stata un'occasione per ritornare alle Lezioni americane di Calvino e al suo intramontabile elogio della leggerezza.
Se non fosse che è un po' troppo riduttivo... pieno, leggero, sperimentale sono gli aggettivi che sceglierei per descrivere il tuo modo di comunicare attraverso i diversi strumenti che usi: il disegno, le parole, le note... Che ne pensi? Sei d'accordo?
Mi piace molto il probabile ossimoro “pieno/leggero”, la trovo una definizione che bene aderisce ad alcuni obiettivi della mia ricerca, che mescola diverse forme espressive. La pienezza, frutto anche di questa miscellanea, arriva sicuramente dalla mia urgenza comunicativa, alla quale mi piace affidare strade differenti, tutte per me importanti, che durante gli incontri coi bambini cerco di intrecciare. In questo senso credo che sia plausibile anche l’aggettivo “sperimentale”. Forse possiamo considerare sperimentale l’atteggiamento che si assume nell’elaborare personalmente stimoli esterni, e la disposizione ad accoglierli costantemente. Ecco, è questo che spero si verifichi durante il mio percorso.

 


Cosa muove la scelta di uno 'strumento' piuttosto che un altro?
Credo semplicemente che si possano comunicare le cose in modi diversi. Ecco che ogni “strumento” darà una forma esclusiva alle cose, e a seconda della forma acquisita le cose arriveranno agli altri in modo differente. Ci sono cose che perché arrivino in un certo modo le devo disegnare, le stesse cose arriveranno diversamente se le scriverò, o se le canterò, e via dicendo…


Spesso capita che i toni densi e il segno pieno delle tue tavole poggino sulla leggerezza di un flusso di parole in cui troneggia un senso di onirica speranza. Una scelta voluta? Quanto c'entra il fatto che i tuoi libri parlano ai bambini?
Credo che il paradosso tra la densità delle mie tavole e i testi leggeri sia solo apparente.  Uso il  volume e la profondità per dare vita ai personaggi e alle cose, e  allo spazio attorno. In questo modo per me i personaggi acquisiscono una libertà che permette loro anche di muoversi con leggerezza, muovendo i passi di una danza con le parole.


Ma ecco che mi viene in mente un controesempio. Nel cimitero, appena uscito per Logos, si rivolge anche, e forse di più, ai grandi. Cosa cambia quando sono loro i tuoi interlocutori?
Il libro del cimitero si rivolge indubbiamente a una fascia di età più elevata, anche se in realtà è nato da una mia intima necessità “secolare”. e realizzandolo non mi sono preoccupato troppo di chi un giorno potesse vederlo, ne tanto meno che tipo di mercato editoriale potesse accoglierlo. Sono molto felice che una casa editrice abbia dato voce ad una mia dimensione fin’ora rimasta professionalmente inespressa.


Che rapporto hai con il colore e con i diversi materiali?
Ecco, devo dire che purtroppo quando realizzo delle illustrazioni sono piuttosto purista: non ho l’abitudine di mischiare tecniche, anche se mi piacerebbe molto. Sono così legato alla tecnica dei gessetti che temo di “contaminarla” negativamente, e questo è un mio limite. Lavorare con i gessetti significa modellare le immagini con le dita, e l’amore per questa tecnica credo mi derivi dal gusto per la modellazione del pongo con cui realizzo piccole animazioni, della cartapesta con cui fabbrico i pupazzi per le mie letture animate, e per gli origami…


A proposito di letture animate... molto del tuo spazio è dedicato ai laboratori con i bambini. Un'esperienza che sicuramente (ed in parte lo dici) riesce a darti molto. Cosa, in particolare?
Lo spazio che dedico ai laboratori è uno spazio di libertà ritrovata, nella quale mi sembra di muovermi con grande leggerezza. Stare con i bambini mi sta insegnando proprio questo: la possibilità di un rapporto le cui regole comunicative possono cambiare continuamente.


Che aspetto ha il tuo tavolo da disegno? Più maniacale o più naif?
Fin da bimbo mi dimeno tra la necessità di ordine e la tensione verso il caos. Il mio tavolo da disegno rispecchia questo dualismo.


Noi di Mangialibri abbiamo un approccio un vorace alla lettura. Tu che lettore sei? Quali libri influenzano o hanno influenzato il tuo lavoro?
Questa è la domanda più difficile, o meglio, la domanda alla quale potrei non smettere di rispondere. Sul mio sito http://www.matteogubellini.it c’è una sezione chiamata “debiti”, che mostra le facce di 10 persone che hanno avuto molta importanza nel mio percorso umano e artistico. Per ognuna di queste persone ho scritto una manciata di parole che cercano di spiegare in cosa consista questo legame, ma premetto anche che si tratta delle prime 10 persone che mi siano venute in mente. In realtà ce ne sono tante altre fondamentali. E sono cantautori, fumettisti, pittori, scrittori, cineasti, illustratori, e via discorrendo.

I libri di Matteo Gubellini

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER