Intervista a Melissa Senate

Melissa Senate
Articolo di: 

Melissa Senate è una delle regine del chick-lit, la letteratura a la Sex & the City che fa andare fuori di testa le lettrici (e anche qualche lettore) in tutto il mondo. Passiamo qualche decina di minuti a sgranocchiare noccioline in un elegante wine bar vicino alla Fontana di Trevi, c'è decisamente di peggio al mondo. Sorriso smagliante, massima disponibilità, compagnia piacevolissima: ma non ha uno straccio di foto decente on-line, cribbio!

Perché le storie di donne single newyorchesi hanno un così grande successo in tutto il mondo e anche in Italia? In fondo a 30 anni circa la maggior parte delle ragazze italiane vive ancora con i genitori...

Perché è uno stile di vita troppo eccitante, anche se non è il tuo: sei finalmente da sola, hai finito gli studi, cerchi lavoro, cerchi compagne di stanza, cerchi degli uomini. La presenza dei genitori è diversa, ma comunque esiste nelle trame chick-lit, mentre nelle serie televisive del genere, ma pensarci bene, come 'Sex and the city', sono figure assenti, non li vedi mai, i figli nemmeno li chiamano al telefono... Mah, si tratta forse di una scelta legata all'audience.

 

Spesso si parla dei tuoi libri come di spunti di serie tv. C'è qualcosa che bolle in pentola?

Speriamo proprio di sì, incrociamo le dita! E' molto eccitante davvero vedere in tv una storia tratta da un tuo libro. E se non è granché, dici? E' grandioso anche se fa schifo!

 

Hai in programma di scrivere qualcosa di completamente diverso per ambientazione o trama? Qualcosa che non sia chick-lit insomma?

Non credo che lo farò. Ho iniziato a scrivere con la Red Dress Ink romanzi di questo genere, mi è venuto così naturale! E' così vicino ai miei gusti, mi piace anche leggere cose così, non mi perdo nemmeno un romanzo chick-lit (anche per documentarmi su cosa fa la concorrenza, ah ah), cambiare non sarebbe nel mio stile, sarebbe una forzatura.

 

Ho letto che hai trascorso la tua luna di miele a Roma. Che impressione ti ha fatto la nostra città?

Roma è la mia città preferita al mondo, non ne ho mai vista una così bella, con le statue, le rovine, i monumenti... Ho passato giornate intere nei Musei Vaticani. Tutto nasce dal mito estetico di 'Vacanze romane' con Audrey Hepburn, ho adorato quel film. Ora che ci penso non sono mai stata su una Vespa, mi piacerebbe tanto e provvederò!

 

Che tipo di gusti ha Melissa Senate come lettrice?

Leggo ogni cosa chick-lit che esce, come dicevo prima. Amo il genere e sono competitiva, quindi non posso esimermi... Tra l'altro è un genere che si è espanso tantissimo, sono nati infiniti sottogeneri. Le mie autrici preferite? Non mi perdo un giallo di Laurie Moore e adoro Fay Weldon.

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER