1000 lingue

1000 lingue

Un viaggio alla scoperta delle lingue del mondo: origini, rapporti reciproci, delimitazione geografica, caratteristiche fonetiche e curiosità dei circa 6900 idiomi parlati nel mondo, dei quali 275 usati dal 96% della popolazione mondiale (dal che deriva che simmetricamente il 4% degli uomini utilizza il 96% dei linguaggi esistenti, ma questo è un altro discorso). Si va dal cinese mandarino – 1055 milioni di parlanti – a lingue australiane parlate da meno di 100 persone, dalle cosiddette “lingue globali” (lingue cioè utilizzate in contesti molto più ampi della loro zona d'origine, oggi appunto cinese mandarino, inglese, hindi, spagnolo, russo, bengali, arabo, portoghese, francese, tedesco e giapponese) alle lingue estinte (per esempio latino, accadico, egizio, etrusco, ge'ez, chibcha, ma anche l'ubych, la lingua col più complesso sistema fonologico del mondo, scomparsa nel 1992 con la morte di Tevfiq Esenc, l'ultimo uomo che la conosceva)...
Sapevate per esempio che meno di un terzo delle lingue mondiali possiede una notazione scritta? Che la condizione umana normale – da sempre – è il multilinguismo? Che le lingue che crediamo 'primitive' a volte hanno grammatiche più complesse delle lingue che riteniamo a torto 'nobili'? O che l'inglese appena 4 secoli fa era sconosciuto fuori dalle isole britanniche e il tedesco era privo di scrittura fino all'VIII secolo? O che in nahuatl – un idioma messicano - “forbici” si dice “tsiintsinkiriantsiintsoonk-waakwaa” (poveri sarti)? Queste e mille altre curiosità in un volume splendido, di grande formato, con diagrammi, box, cartine geografiche, testi chiari e sintetici, ricco di fotografie suggestive e disegni spettacolari. Ma soprattutto ricco di quella meravigliosa diversità che rende il genere umano così affascinante.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER