Agnes Browne nonna

Agnes Browne nonna
Nella sala d’aspetto di un ospedale dublinese una donna di mezza età, accanto al figlio, sta aspettando la notizia della nascita del primo nipote. Niente di strano, se non si trattasse di Agnes Browne: lei di figli ne ha messi al mondo sette e se l’è cavata anche da sola, sa cosa significa e attendere con le mani in mano le è davvero impossibile. Decide di fare irruzione nel reparto e di ribadire alla nuora il suo proverbiale sostegno. Aaron viene al mondo sano e robusto e tappa obbligata è la riunione al pub di Foley per festeggiare l’avvenimento con tutto il colorato clan dei Browne. Una serata memorabile dopo il battesimo, alla quale non possono mancare gli amici di sempre, accorsi da tutto il quartiere, il Jarro, per ricordare i bei tempi e dare un degno benvenuto all’ultimo nato. Manca solo Frankie, uno dei figli di Agnes, il meno fortunato di tutti, mentre ad alzare il bicchiere ci sono Mark e la moglie Betty in prima fila, Rory e il suo compagno Dino, Trevor a solo un anno dalla fine degli studi universitari, Simon lavora in ospedale, Cathy felicemente fidanzata e Dermot ancora purtroppo dietro a Mary, una ragazza con grossi problemi legati alla tossicodipendenza e forse persino allo spaccio. Ma Agnes ha deciso di prendere in mano la situazione e anche se il suo conturbante amante francese, Pierre, l’ha chiamata ‘nonna’ facendola vacillare per alcuni interminabili istanti, è pronta ad impedire all’infelicità di minare la tranquillità della sua famiglia allargata. Non saranno certo la partenza del figlio minore per l’estero o le follie di Pierre, né tantomeno le resistenze degli altri a fermarla. Sopravvissuta ad una difficile vedovanza e agli attacchi della vita, armata di dosi massicce di volontà, senso pratico ed ironia affronterà con un’abbondante dose di imprevedibilità anche quest’ultima sfida...
Arriva il capitolo conclusivo per la trilogia delle avventure di Agnes Browne di Brendan O’Carroll, scrittore ma anche attore, regista e sceneggiatore, ma prima di tutto irlandese. Un libro ironico, sagace, che non tradisce i lettori affezionati ma che ha la capacità di soddisfare il palato anche di chi ‘incappa’ per caso e per la prima volta nelle avventure di Agnes. Soprattutto forse in questo romanzo fresco e divertente, l'autore riesce a coniugare mirabilmente i toni allegri e spensierati con i risvolti amari della vita in una miscela assolutamente emozionante e irresistibile, regalandoci un epilogo formidabile per la trilogia. Tre romanzi dominati da un'eroina nata e cresciuta in un quartiere popolare dietro un banco di verdure, che cresce ben sette figli avuti da un marito violento. Un personaggio letterario che entra a buon diritto nel pantheon delle icone letterarie, grazie anche alla notorietà che il film tratto dal primo libro le ha regalato. O'Carroll con un ritmo narrativo incalzante e battute al fulmicotone fa ridere, riflettere, gioire e pensare.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER