Alexis Tsipras - La mia Sinistra

Alexis Tsipras - La mia Sinistra

La Grecia è un calderone pronto ad esplodere da un momento all’altro, la popolazione è stremata ed esasperata da una crisi economica che ha drammaticamente acuito la forbice della povertà, Bruxelles preme terrorizzata dal rischio default. Sul versante politico, i partiti tradizionali non sanno molto bene che pesci pigliare ed in questo caos si fa strada a gomitate, sostenuto dalla rabbia di moltissimi greci, un piccolo partito che, col suo leader, Alexis Tsipras, ha deciso di scompaginare le carte in tavola e sovvertire gli sussiegosi e subordinati nei confronti delle ricette economiche imposte da Bruxelles. Syriza si pone come elemento di rottura, ma anche come recupero di una tradizione fieramente socialista, che guarda al popolo ed ai suoi interessi prima ancora che agli interessi delle banche e degli industriali. Punta sulla cultura, sul riscatto sociale e sulla dignità; punta al rispetto dei lavoratori e ad un sistema di welfare che scavalchi le attuali logiche da prima rivoluzione industriale. Un modello di “nuova sinistra” che in Europa fa gola ai molti ancora sepolti sotto le macerie di tradizioni storiche oramai sgretolatesi e frammentatesi in tanti scialbi partitini senza arte né parte…

Questa lunga intervista, uscita quasi in concomitanza con l’inizio della campagna elettorale che Alexis Tsipras ha sostenuto per le elezioni politiche greche, aiuta il lettore a capire cosa sia effettivamente questo “fenomeno Syriza” di cui tanto si è parlato e si continua a parlare ora col timore di un ritorno ai vecchi terrori bolscevichi, ora con la speranza di aver trovato un punto di riferimento per la ricostruzione di una nuova identità di sinistra a livello europeo. Si trovano dentro molte cose: l’analisi della situazione europea, la voglia di riscatto del popolo greco, la necessità di riconsiderare gli impianti economici marxisti. C’è anche spazio per ampi passaggi sulla situazione politica ed economica dell’Italia e per feroci critiche al sistema internazionale capitalista che ha indotto la crisi economica internazionale. Un vademecum (o un amarcord) per militanti nostalgici.



Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER