Alla conquista della Luna

Dicembre 1868. Il mercantile russo “Marfa”, “un bel legno (…) della stazzatura di ottocento tonnellate” diretto in Norvegia, attraversa un “tetro e pesante nebbione”. Attorno alla nave si indovinano le sagome di iceberg che si urtano fra loro tra cozzi violenti, stridii sinistri e muggiti profondi. L’equipaggio e i passeggeri pregano in preda al terrore, ma alle 2 del mattino una spaventosa montagna di ghiaccio si para proprio di fronte al “Marfa”, la travolge e la riduce a un rottame galleggiante che va alla deriva “attraverso al nebbione e alle onde come un cadavere, urtando contro i ghiacci”. I superstiti, disperati, cercano di fare quello che possono per riparare la nave, quando in lontananza odono un rumore cupo, profondo, crescere fino a diventare un tuono… 1896, Cornovaglia. I pescatori che forniscono il pesce ai mercati di Liverpool e Dublino non osano più spingersi al largo da quando Jean Baret e il suo equipaggio hanno raccontato di esser stati attaccati da un misterioso, spaventoso mostro marino che per puro miracolo non ha distrutto la loro barca con i suoi tentacoli. Gli avvistamenti del calamaro gigante si susseguono, finché il governo britannico non invia in quelle acque una nave da guerra e soprattutto il sottomarino “Holland”, al comando del capitano Smitson, “uno dei più intraprendenti e dei più valorosi ufficiali della flotta inglese… La quiete di Allegranza, un piccolo isolotto dell’arcipelago delle Canarie abitato da una quarantina di persone, viene turbata dall’arrivo di una nave battente bandiera brasiliana. Dal piroscafo sbarca un gruppo di solerti e silenziosi individui che costruiscono in poche ore un robusto recinto dentro il quale lasciano numerose casse di legno e due signori attempati, entrambi quasi calvi e con gli occhiali. La nave riparte lasciando ad Allegranza i due strani personaggi, che si qualificano come scienziati e spiegano agli allibiti isolani che stanno per tentare “un grande esperimento che farà epoca nel mondo: (…) la conquista della Luna”…

La piccola e raffinata casa editrice romana Cliquot raccoglie sei racconti di Emilio Salgari di argomento genericamente “fantastico”. Pubblicati nell’arco di circa un decennio (Inghiottiti dal Maelström è del 1894, Negli abissi dell’oceano del 1903 come La stella filante, Alla conquista della Luna e Lo scheletro della foresta sono del 1904, mentre L’isola delle sette città è del 1905), i racconti – tranne uno, il primo – appartengono alla seconda parte della carriera letteraria e della vita di Salgari, morto suicida nel 1911. Leggendoli saltano agli occhi i rimandi a Edgar Allan Poe e Jules Verne, che però sono “filtrati” dal gusto e dallo stile dello scrittore veronese: del resto, come spiega nel suo saggio introduttivo il curatore Felice Pozzo, “semplicemente Salgari ha attinto dai suoi maestri quanto gli era congeniale e ha mantenuto le proprie convinzioni”. E a dire il vero il racconto che dà il titolo al volume – se da una parte non può nascondere la sua evidente derivazione da Dalla Terra alla Luna – non manca affatto di trovate originali: e non ci riferiamo tanto all’intuizione sulla potenza dell’energia solare, quanto alla scelta di Salgari di raccontare un’impresa fallita, rinunciando alla parte più “facile” del lavoro, quella in cui lanciare la sua fantasia a briglie sciolte. L’approccio per così dire “pragmatico” è il segreto dell’efficacia anche di quello che probabilmente è il racconto più riuscito dei sei, La stella filante, che racconta in modo credibile e avvincente il disastro di un incredibile veicolo aereo. Nel sunnominato saggio introduttivo, Felice Pozzo svela anche gustosi retroscena: svela per esempio che l’autore copiò il titolo e un brano assai significativo de Lo scheletro della foresta da un articolo apparso il 5 settembre 1886 sulla rivista di viaggi “La valigia”. Il libro è disponibile in versione Classica (un normale brossurato da 16 euro illustrato da Riccardo Fabiani) e in versione Deluxe, ovvero in edizione limitata e numerata (a 50 euro).



0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER