Alla corte dei Borgia

Alla corte dei Borgia
1492. Sancia d'Aragona, nipote di Ferrante, re di Napoli, e figlia del feroce Alfonso, duca di Calabria, è da poco in età da marito. Viene promessa al conte Onorato Caetani, apparentemente una soluzione di basso profilo per una principessa, ma uomo affascinante e devoto. Sancia si innamora di Onorato, e con lui perde la verginità. Ma quando ormai il matrimonio è vicino, Ferrante e Alfonso intravedono la possibilità di stringere una preziosa alleanza col neoeletto Papa Alessandro VI, al secolo Rodrigo Borgia, e organizzano i matrimoni tra Sancia e suo fratello Alfonso e due dei figli illegittimi del Papa, il piccolo Goffredo e la fascinosa Lucrezia. L'idealista Sancia si ritrova proiettata in un ambiente dove la violenza, l'intrigo e la lussuria sono il pane quotidiano...
La specialista del romance Jeanne Kalogridis è qui probabilmente al suo capolavoro, perché mai come in Alla corte dei Borgia ha saputo dosare con equilibrio ed efficacia sentimenti e suspence, approfittando anche di un'ambientazione davvero suggestiva, quella del XV secolo italiano, un'epoca color del sangue e dell'oro.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER