Ana nel campo dei morti

Vicino al bosco di faggi, sotto il vecchio ponte di pietra, c’è la casa di Ana. Da Mama ha imparato a cacciare le vipere con il cane Gùgol. Un nome che viene da un tempo lontano, prima che le persone smettessero di pensare e di ringraziare e che perdessero tutto. Per cacciare le vipere ci vuole abilità, ma anche i migliori sbagliano, e così Ana si ritrova sola, prigioniera del Campo dei Morti, senza che Mama abbia fatto in tempo a mostrarle la strada per la Terra Oltre… In un posto in cui il mare e l’oceano si rimescolano e si scambiano regali, c’è molto da trovare per chi cerca: dalle plastiche a intere navi da guerra. Capita anche che affiorino anche mostri come il leggendario mangianavi o creature misteriose come Mil, la ragazza azzurra… C’è un vecchio negozio nel paesino di Pontorso, sull’insegna si legge “Fratelli marziani, dal 1947”. Marziani con la m minuscola come un aggettivo, non un nome proprio. Già, ma l’ultimo dei fratelli marziani è ormai morto, spiega il barista all’unico turista del paese. Erano arrivati molti anni prima, dopo lo schianto di misteriosi “piatti volanti”. Si erano ben adattati, ma non facevano che raccogliere materiale elettrico, finché non avevano rilevato quel vecchio bazar…

Mondi incantati è l’antologia che presenta i migliori racconti di RiLL, Riflessi di Luce Lunare, il concorso letterario che ogni anno valuta centinaia di racconti fantastici in occasione di Lucca Comics and Games. La raccolta prende il nome dal racconto vincitore: per la XXIV edizione è Ana nel campo dei morti, di Maurizio Ferrero. Dopo il primo classificato sono presentati anche i classificati dal secondo al quinto: Mil di Diego Gnesi Bartolani, F.lli marziani, dal 1947 di Nicola Catellani, Uno di Riccardo Angelini e Madonnina di Cristiano Montanari. I primi cinque selezionati tra più di 300 autori e autrici. La seconda sezione, RiLL World Tour , è dedicata ai gemellaggi che il Trofeo RiLL ha stretto con riviste e concorsi letterari banditi fuori dall’Italia e ospita racconti selezionati in Irlanda, Regno Unito, Spagna e Sud Africa, tradotti per l’occasione. La sezione finale, Sfida, ospita i vincitori di una diversa sezione del Trofeo RiLL, che invita alcuni dei concorrenti già finalisti in una o più edizioni del torneo a sfidarsi su un tema. Quello del 2018 è stato “Leonardo da Vinci”: un richiamo all’attualità, vista l’occasione nel 2019 del cinquecentenario dalla sua morte, ma soprattutto un invito a scrivere di un inventore e delle sue invenzioni. In totale 13 racconti che ben rispecchiano la varietà del genere fantastico, dedicati soprattutto agli appassionati ma che potranno incuriosire e suggestionare anche i lettori occasionali. L’antologia, giunta alla sua sedicesima edizione, testimonia l’impegno e la dedizione dei suoi autori e curatori. Un progetto sostenuto dalla passione, con lo sforzo costante di non limitare la pubblicazione a un atto dovuto in occasione del Trofeo ma di accrescerne la qualità e l’originalità di anno in anno.



0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER