Another world

Another world
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 

Noni è una giovane donna, nata e cresciuta in una famiglia con una madre e due padri, all’ombra di una nonna che con la sua saggezza è riuscita a rimanere dentro di lei. Ha amato una donna forte, risoluta e non riesce a far pace con il fatto che l’abbia lasciata per un uomo benestante ed ozioso. E adesso che Kaede ‒ il suo padre naturale ‒ è morto, il vuoto che è dentro di lei sembra incolmabile. Tornare a Mykonos dove con lui era stata felice, dove aveva trascorso molte estati e dove con sua madre e il padre numero 2 (come lei stessa lo chiama) ha vissuto giorni splendidi, è quindi naturale, un po’ come rivivere quei momenti rimasti incastrati in quella cittadina greca, ritrovare qualcosa che insieme erano stati. E proprio lì Noni incontra per caso Kino, un uomo che con Kaede ha molte cose in comune, tante da sorprenderla ed emozionarla. Con Kino, artista rimasto vedovo, iniziare a parlare è semplice così come decidere di passeggiare, pranzare e trascorrere insieme il resto della vacanza e non solo… tra loro si crea un legame che va oltre i singoli vissuti, che è subito intenso e che non chiede di essere catalogato o rinchiuso in una definizione…

Another world è il quarto romanzo di una serie che vede il raggiungimento dell’età matura di Noni e il chiudersi ‒ il condizionale è d’obbligo nei romanzi della Yoshimoto che lascia sempre molte porte aperte per il lettore ‒ di un cerchio in cui contano solo le emozioni, non certo la logica né le leggi degli uomini e della società. L’autrice ci regala personaggi complessi e appassionati, pieni di dubbi, paure, uomini e donne il cui passato pesa come un macigno e condiziona il presente, un passato che deve però cristallizzarsi e risplendere come un diamante e non deve sbarrare la strada come un masso sul sentiero che ognuno di loro deve compiere. E l’idea di un filo rosso che lega ogni loro vita è tangibile anche quando, per intuirne la presenza, bisogna “scomodare” sogni e spiriti, ricordi e sensazioni. L’intangibilità e l’impalpabilità attraversano le pagine e arricchiscono il mondo onirico di personaggi e lettori. La scrittura è sempre leggera e aggraziata, come le movenze dei gatti che nella storia sono intermediari naturali della magia che abita il mondo.



Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER