Anticristo

Anticristo. L'inizio della fine del mondo

Secondo secolo dopo Cristo, Lugdunum (l’odierna Lione). Il vescovo cristiano Ireneo è preoccupato dall’arrivo in città di un certo Marco detto il Mago, una sorta di santone che afferma di conoscere “dottrine cristiane segrete” e ha molto successo tra le signore più ricche di Lugdunum. Memore delle variegate teorie religiose incontrate durante i suoi viaggi in Asia, il vescovo è ossessionato dalla difesa dell’ortodossia cristiana dall’assedio delle mille filosofie, eresie, pratiche religiose ed esoteriche che fioriscono nell’immenso Impero Romano e minacciano di contaminare gli insegnamenti di Gesù come raccontati da Pietro e Paolo circa un secolo prima. Già da tempo Ireneo accarezza l’idea di scrivere un trattato con cui demolire in un sol colpo le tesi di ebrei, gnostici ed eretici vari, ma l’arrivo di Marco il Mago intanto lo stimola a comporre un inno in versi in cui attacca quello che per lui è un pericoloso ciarlatano, accusandolo tra l’altro di essere “un’avanguardia dell’agire anti-Dio”. Il componimento diventa abbastanza popolare nella comunità cristiana della città, ma Ireneo non è ancora soddisfatto: quella parola, “anti-Dio”, gli pare ancora debole e poco precisa, serve qualcosa di più potente. Gli torna alla mente un aggettivo usato dall’apostolo Giovanni in una delle sue lettere, “anticristi”. E improvvisamente un oscuro brano di San Paolo che allude a un misterioso personaggio che siederà nel tempio di Dio, “mostrandosi come se fosse Dio” ingannando i fedeli con la sua potenza, assume forse un significato chiaro. Si tratta forse dello stesso personaggio a cui allude lo stesso Gesù quando dice “Ma quando vedrete l’abomino della desolazione, di cui parlò il profeta Daniele, allora vi sarà una tribolazione grande, quale mai avvenne dall’inizio del mondo”? Come chiamare questo “nemico finale” dei cristiani che salendo al potere annuncerà la fine dei giorni? La risposta è ormai là, a portata di mano. Ireneo chiamerà costui Anticristo…

Parte così, quasi come un romanzo, questo saggio sul cosiddetto Anticristo, “figura del male assoluto che si manifesterà in tutta la sua malvagità alla fine dei tempi ingaggiando l’ultima e più drammatica battaglia per impedire la redenzione del mondo”, variamente descritto nell’antichità, faticosamente inquadrato dai “padri della Chiesa” da Ireneo in avanti e creativamente identificato in questo o quel personaggio storico lungo i secoli (e la ricerca non è ancora finita). Le radici di questo libro documentatissimo e approfondito eppure leggibilissimo affondano nella musica punk. Sì, comincia tutto nel 1976, con i Sex Pistols. Allora Marco Rizzi, docente di Letteratura cristiana antica alla Cattolica di Milano, aveva solo quattordici anni e ascoltava a tutto volume Anarchy in the UK, pezzo-manifesto del gruppo punk britannico. Come tanti adolescenti, urlava “I am an Antichrist” saltellando selvaggiamente in camera sua. Ma chi era mai questo Anticristo? Marco non lo sapeva: “Di sicuro, se allora mi avessero detto che un giorno mi sarei ritrovato a tenere lezioni sull’Anticristo, l’avrei ritenuta una profezia alquanto bizzarra”. E invece oggi Rizzi è forse il maggiore esperto italiano in letteratura escatologica antica: e lo dimostra travolgendo il lettore con analisi teologiche e citazioni pop, racconto storico e aneddotica, alternando approfondimento e leggerezza in modo irresistibile. Un unico, grave difetto: bollare il malsano capolavoro L’Anticristo diretto nel 1974 da Alberto De Martino e interpretato da una sensualissima Carla Gravina come “un b-movie horror che cerca con pessimi risultati di replicare il successo planetario de L’Esorcista, uscito l’anno precedente”. Tutto vero – come è vero che non si tratta di un film sull’Anticristo, bensì su una possessione diabolica –, solo che al termine “pessimi” va sostituito “ottimi”, almeno per quanto riguarda la qualità filmica.



Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER