Blu quasi trasparente

Autore: 
Traduzione di: 
Genere: 
Articolo di: 

Giappone anni ’70, nei dintorni della base militare statunitense di Yokota. Un gruppo di ragazzi e ragazze del luogo ha intrecciato un rapporto con alcuni marines di colore fatto di festini a basse di sesso e droga. Ryū, Moko, Lily, Kei, Reiko, Yoshiyama e Kazuo sembrano interessarsi solo allo sconvolgimento, alla perdita dei sensi, ad abbandonarsi ad un sogno fatto di iniezioni di eroina, sniffate di coca, pasticche, LSD, alcol, penetrazioni di ogni genere, rapporti etero e omosessuali e musica rock a manetta. Ma su di loro grava una pesante cappa di infelicità e paranoia, una smania di autodistruzione che li porta a rischiare sempre di più, a cercare l’oblio con una determinazione quasi feroce...

Pubblicato in patria nel 1976, quando Ryū Murakami era solo uno sconosciuto ventiquattrenne e non l’acclamato regista cinematografico che è oggi (il suo Tokyo Decadence ha segnato un punto di non ritorno nell’estetica del cinema giapponese moderno), questo romanzo autobiografico suscitò un vero vespaio di polemiche, con una parte dell’opinione pubblica che lo accusava di essere solo un guazzabuglio di oscenità e un’istigazione all’abuso di sostanze stupefacenti e un’altra parte che lo salutava come un capolavoro, un’opera innovativa che fotografava le contraddizioni del Giappone del pre-boom economico. L’attribuzione a Murakami del prestigioso premio letterario Akutagawa provocò addirittura le dimissioni in segno di protesta di parte della giuria, e l’infinita coda di polemiche sui giornali ebbe come prevedibile risultato un successo letterario senza precedenti, con milioni di copie vendute e un segno profondo lasciato nell’immaginario collettivo nipponico. A più di quarant’anni di distanza cosa rimane della tempesta emozionale di quegli anni? Rimane un romanzo un po’ esile nel plot - anche se efficacissimo nel trasmettere un senso di disperazione cupo e opprimente - ma giocoforza meno di rottura per quanto riguarda le sequenze hardcore e i temi della droga e della “gioventù bruciata”. Da manuale invece la descizione del trip allucinogeno di Ryū e Lily nel campo di pomodori sul finire del libro, forse una delle più suggestive digressioni sul tema della storia della letteratura.



0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER