Cambio di rotta

Cambio di rotta
Traduzione di: 
Genere: 
Editore: 
Articolo di: 

Il commediografo sessantaduenne Emmanuel Joyce dà il benservito all’ennesima segretaria-amante. Deve partire per New York insieme alla moglie Lillian e non può portare con sé “gli extra”. Certo, Lillian sa delle sue numerose amanti, sa quanto rapidamente cambiano, e questa, Gloria Williams, è durata circa sei mesi. Niente di sensazionale. Tranne per il fatto che Gloria si fa trovare incosciente e imbottita di sherry e sonniferi nella loro vasca da bagno. Il melodramma incombe. Lillian, malata di cuore, ha un malore appena la trova, Emmanuel deve fronteggiare il disastro e per sua fortuna ha accanto il fedele Jimmy Sullivan, il suo regista, il suo braccio destro. Non era mai accaduto prima che una segretaria-amante reagisse in modo esagerato. Emmanuel è stranito e Lillian deve anche sentirsi accusare da Gloria di averle rubato il futuro. Possibile che la deriva nel matrimonio sia dovuta alla sua fragilità fisica? O deriva dalla morte di Sarah, la loro bella bambina? O forse è il carattere di Em la causa? O di entrambi? Ora che l’età avanza è difficile per lui anche scrivere opere interessanti, l’ispirazione manca, trovare attrici adatte sembra una caccia al tesoro. Tutto appare in salita. Per fortuna l’amico Sol Black lo invita a una cena per parlare di lavoro, non solo, ha la possibilità di presentargli un’attrice di “una bellezza non convenzionale”, Martha, che ha due grandi qualità: ha solo vent’anni e il seno più bello che Em abbia mai visto. Le sorprese per lui non sono finite. A casa anche Lillian ne ha una, gli ha trovato una nuova segretaria, la giovane e ingenua Alberta: “è la tipica inglese sciatta e senza un briciolo di stile”…

Ogni capitolo del romanzo Cambio di rotta, pubblicato per la prima volta nel 1959 e celebrato su “The Sunday Times”, è il flusso di coscienza di un personaggio, che attraverso pensieri e azioni, sviluppa la storia. Elizabeth Jane Howard ha avviato la sua carriera di scrittrice dopo il 1951 e grazie al riconoscimento ottenuto con il premio letterario dedicato allo scrittore John Llewellyn Rhys (un Premio attivo dal 1942 al 2010, sospeso per mancanza di fondi), con una proficua produzione letterario. Nel romanzo i ricordi, le opinioni personali, i gesti compiuti dai quattro protagonisti attorno a cui ruota la vicenda, permettono un grande lavoro di analisi psicologica che li mette in relazione con sé stessi e col mondo che li circonda. Un percorso che è lotta per la sopravvivenza al dolore, al tradimento, al rimpianto. Il tentativo di trovare equilibrio in una esistenza infelice, difendendo con le unghie e con i denti ciò che si possiede, per quanto mediocre e insoddisfacente sia. Collera, amore, nevrosi, bugie sono il collante della famiglia. In un periodo storco in cui il mondo intero recupera le forze dopo la seconda guerra mondiale e il trauma delle atrocità naziste, specialmente per gli ebrei e i figli sopravvissuti delle famiglie sterminate, non è ancora metabolizzato. L’attrice inglese pluripremiata Kristin Scott Thomas ha deciso di dirigere e interpretare il film tratto dal romanzo, la cui lavorazione è attualmente in corso.



0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER