Cercando Alice

Cercando Alice
C’è un tempo per tutto. Un tempo per aspettare e un tempo per scoprire la verità. Susan, nella sua bella casa a Cambridge, Massachusetts, ha deciso di fare entrambe le cose. Utilizzerà il tempo sospeso della gravidanza per scoprire l’atroce segreto familiare che pesa da anni sulla sua vita. Finché la figlia non verrà al mondo (perché è sicura che si tratti di una bambina), Susan scaverà nel suo passato, scontrandosi con l’ostilità del fratello maggiore, ma contando sull’amore comprensivo del marito David. Poi, quando la bambina nascerà, qualsiasi cosa abbia scoperto fino a quel momento, Susan smetterà di cercare sua madre, di voler sapere se è viva o morta e perché uscì in modo tanto repentino e misterioso dalla sua vita. Siamo nel 1956, e la mente di Susan torna indietro a quindici anni prima, quando lei e la sua famiglia vivevano a Praga, al seguito del padre diplomatico. I genitori si conobbero negli Stati Uniti e la madre, Alice, cittadina americana, accettò di seguire in Europa quell’affascinante italiano. Con lo scoppio della Seconda guerra mondiale le cose si fanno difficili anche per chi vive nel mondo ovattato e protetto della diplomazia. Alice vorrebbe portare in salvo i suoi tre figli, magari in Svizzera, territorio neutrale, ma si scontra col rifiuto del marito che nel frattempo viene mandato in Jugoslavia. Roma, la città del Papa e di Mussolini, sembra essere il luogo più sicuro per Alice e i suoi figli, che dovranno sopravvivere fra attacchi aerei e cibo trovato fortunosamente al mercato nero. Alice dovrà fare i conti anche col suo essere americana, ovvero “nemica” di un Paese che lei tanto ama. La sua forza e i suoi nervi cominciano a vacillare e subito dopo lo sbarco degli alleati decide di affrontare il viaggio verso la Svizzera. Ma il confine è bloccato e lo si può attraversare solo clandestinamente, con l’aiuto di un passatore. Ed è proprio in una gelida notte del '43, sul monte Bisbino, confino italo-svizzero, che Alice scompare. Le figlie riescono a passare sotto il filo spinato, ma la madre non le raggiungerà mai più. La versione ufficiale che il padre dà a Susan è che Alice è stata colpita a morte dai soldati tedeschi, ma Susan, quella notte, è certa di non avere sentito alcuno sparo…
Un dramma familiare indissolubilmente legato agli eventi bellici. Ma la Grande Guerra narrata in questa storia, più che essere “contestuale” alla trama, ne diventa respiro stesso, una specie di sottotraccia che scava i solchi in cui la vita dei protagonisti fatalmente si perde. È una guerra di eserciti e bombardamenti, certo, ma è anche una guerra raccontata attraverso le povere vite di cittadini comuni, quell’umanità costretta ad atti miserabili ma anche pronta a riscattarsi con gesti di grande nobiltà e tanto ben raccontata dalla tradizione gloriosa del nostro neo-realismo. Ecco, in questo senso Cercando Alice è una vera e propria sorpresa, perché va ripercorrendo uno stile narrativo che la contemporaneità letteraria ci aveva fatto quasi dimenticare. Un libro che sembra arrivare da lontano, non solo per l’ambientazione, ma anche – e  soprattutto – per “le voci” che questa autrice americana ma anche molto italiana è riuscita a trovare. Camilla Trinchieri ha dedicato dieci anni della sua vita a questo libro, riversandoci dentro anche numerosi elementi autobiografici, ed è riuscita a costruire un potente racconto fatto di tradimenti, dolore e riscatto. Susan cerca Alice nel paese dell’orrore, il passato devastato dalla guerra, e con questo viaggio a ritroso comprende e (forse) perdona ma – soprattutto – obbedisce a un incrollabile bisogno di giustizia, dietro al quale non può che celarsi una totale dichiarazione d’amore verso la madre. E la madre, in una sorta di dialogo a distanza, le risponde, di paragrafo in paragrafo, guidandola verso la rivelazione finale. Un romanzo che ha il sapore di un classico, reso ancora più avvincente dall’ottima traduzione di Erika Bianchi.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER