Cinema Albero

Cinema Albero
"Non conosco nessuno che si pulisca il culo e rimanga soddisfatto: rimane sempre una strisciolina, una caccola, qualcosa appiccicato che ti rompe". Due adolescenti si scambiano i primi baci appollaiati sui rami del Cinema Albero, un gigantesco tronco dal quale per una modica somma 14 spettatori alla volta possono guardare di straforo i film proiettati nel Teatro Apollo, arena cinematografica all'aperto; un uomo ha una relazione con Erica, intellettuale e disinibita compagna del suo migliore amico: la donna però gli concede solo lunghe fellatio, che a suo dire non costituiscono un vero e proprio tradimento; un uomo intreccia una storia esclusivamente sessuale ma molto tenera con Susana, donna bellissima se non fosse per una gamba deforme, che però lui pian piano trasforma in uno strumento erotico; la cugina di un ozioso perdigiorno alcolizzato gli presenta Tere, una sua amica obesa e puzzolente ma con due scintillanti occhi da gatta che cerca un ragazzo purchessia per intrecciare una relazione sessuale; la drammatica fine di un uomo, schiacciato da un camion, cambia per sempre la vita della moglie e del figlio...
Con questo libro di racconti, una galleria di ritratti fulminanti e sboccatissimi di persone ed esperienze spesso al limite, il Lucignolo colombiano Efraim Medina Reyes regala al mondo una nuova definizione di romanticismo, e così facendo licenzia forse il suo capolavoro. La nostalgia per l'infanzia, l'amore per la sua Cartagena (la Città Immobile che è un personaggio essenziale di ogni suo libro), il gusto vorace e acritico per qualsiasi rapporto sessuale che si renda in qualche modo disponibile, la fascinazione per la violenza e il degrado, l'onnipresenza della musica (non mancano nemmeno gli accenni alla carriera musicale - peraltro di medio/basso livello - dello scrittore) si fondono in un coacervo di emozioni e colori che semplicemente non può lasciare indifferenti. Personalmente, tutt'altro: il libro, che si è aggiudicato il Premio nacional de literatura in patria, sembra come percorso da una corrente elettrica che rimane addosso anche dopo la lettura. A sera, toccando le persone, capita di emettere ancora piccole scintille.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER