Cinemascope

Cinemascope

Milano, autunno 1963. Lo stesso giorno dell’assassinio di John Fitzgerald Kennedy, di notte muore il ricchissimo industriale Edilio Borghini. Lo conoscevano tutti: proprietario della Frost (elettrodomestici), di squadre di pallacanestro e ciclismo; cineasta dilettante attivo nella produzione di film e protagonista di attività benefiche e culturali; sposato con una nobile e molto attivo sessualmente altrove. Lo trova una sua pupilla di successo, la splendida affascinante carismatica Francesca Pagliani, nata a Sion e scappata a Milano per frequentare l’Accademia dei Filodrammatici con Calindri, capelli mossi castano chiari (quasi bionda). Il cadavere penzola nudo da una fune attaccata al soffitto della camera da letto, i polsi con leggeri segni rossi di legacci da gioco erotico, uno sgabello gettato lontano nel disordine generale (foto, libri, avanzi di cibo e alcol, stecca di sigarette, cinepresa accesa senza pellicola, pizze di altre registrazioni), tutto per aria e nessuna lettera d’addio. Il fatto è che Francesca era la fidanzata pubblica di Edilio ed è da qualche mese in amore privato con Mario “Marlon” Longoni, ex partigiano, ex pugile, comunista e ateo, possente e invaghito, con il quale ha trascorso la notte, prima di correre all’appuntamento con l’uomo ora morto. Marlon è il braccio destro (colto investigatore di strada) dell’avvocata penalista Greta Morandi: si conoscono da sempre (con stima e affetto) e collaborano da almeno tredici anni, avendo già brillantemente risolto i due famosi casi “Visconti” e “Giuditta”. Francesca telefona subito a Marlon che corre sulla scena del crimine con il sodale Alberto e avvisa Greta, mentre ormai sta arrivando la polizia. La Triade non c’entra con il nido di vipere della famiglia Borghini, morranno vari altri prima che si riesca a trovare un filo di senso nel giallo di Francesca…

Terzo bel romanzo di genere per il duo di collaudati giornalisti milanesi Erica Arosio (pariniana filosofa estetica, da “Gioia”) e Giorgio Maimone (berchettiano musicologo poetico, da “Il Sole 24 ore”), in terza varia al presente su chi investiga, anche se nella seconda parte irrompono un paio di prime persone, in corsivo la donna a sorpresa. Il titolo è connesso al permanente desiderio dell’industriale morto di fare il regista e alle sue piccanti esperienze dietro la macchina da presa (le pizze prelevate da Marlon accanto al cadavere, senza dire niente alla polizia). Le solite appendici a Varenna e in Svizzera non inficiano il ruolo di protagonista assoluta per Milano (gli anni di Scerbanenco), descritta nei minuziosi particolari di quel fertile periodo: strade, palazzi, ritrovi, spettacoli e personalità dei vari mondi (musica, cinema, televisione), tanto che in appendice c’è la mappa della città per una passeggiata attraverso i luoghi della narrazione. Per certi versi si tratta di un vero e proprio romanzo storico: non a caso ognuno dei 48 capitoli (dentro sette parti che corrono lungo trenta giorni, con qualche intervallo nel passato) ha il titoletto tratto dai più bei film del cinema noir, quel genere inventato, sviluppato e tematizzato proprio negli anni quaranta e cinquanta. L’indagine nera corre parallela alle cronache rosa e viola dell’intero equipaggio dello studio Morandi (con qualche dialogo a rischio di fumetti o macchiette): ben presto Marlon scopre che potrebbe essere padre del piccolo Vladimiro, Greta possiede qualche mese per mantenere fisica la torbida relazione con l’avventuriero Tom (ai domiciliari ancora per poco), la vecchia segretaria è sempre più inacidita, la nipote di Greta ha iniziato Legge e aiuta in ufficio oltre che manifestare con gruppi e movimenti comunisti, il baffuto collaboratore fornaio Alberto conquista tutte le donne che gli capitano a tiro. Vari vini rossi e bianchi, molto rum. Parole e musica dei grandi cantanti italiani dell’epoca, jazz e Chet Baker per Marlon.



 

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER