Cinquanta sfumature di nero

Cinquanta sfumature di nero
Autore: 
Traduzione di: 
Editore: 
Articolo di: 

Anastasia Steele ha lasciato Christian Grey, spaventata dai troppi segreti del giovane imprenditore e sconvolta dagli obblighi imposti dalla loro relazione. Grey, infatti, non si accontenta di un normale rapporto di coppia, ma stila per le sue prescelte un contratto di sottomissione, obbligandole a tenersi pronte per le richieste sessuali più ardite e ‘acrobatiche’. Stavolta, però, sembra sia scattato qualcosa nel cuore del ragazzo: incapace di vivere senza Ana, Christian rientra nella sua vita senza incontrare troppa resistenza, anzi nessuna. La neolaureata ha appena iniziato a lavorare in una casa editrice e vive ora a Seattle, la città di Grey. I due si fidanzano in modo più convenzionale e, tra un galà di beneficenza e un giro in yacht, la povera Ana inizia a scoprire sempre più retroscena nella vita del compagno, inclusa l'ex che le assomiglia e la pedina, munita di pistola. Una sera, qualcuno squarcia le gomme dell'Audi di Ana (regalino di Grey, si capisce) e si introduce nella villa. Il mistero si infittisce. A complicarlo contribuisce Elena, l'iniziatrice sessuale di Christian, che da lei imparò a sfogare la sua rabbia per i soprusi subiti da bambino. Cosa vuole adesso? Perché non lascia in pace la coppia, sempre più innamorata?...

Se Cinquanta sfumature di grigio aveva perlomeno la piacevolezza di introdurre una storia abbastanza originale, per quanto leggera e inverosimile, il suo sequel manca quasi del tutto di una trama. Ci sono litigi e dialoghi, sospetti e pericoli, ma la struttura di base è davvero difficile da rintracciare. La scelta di virare sul giallo avrebbe richiesto una pianificazione più accurata degli eventi. A volte si ha la sensazione di camminare su un pezzo di legno traballante, saltando da un momento di passione alla prova del vestito adatto per un party senza richiamare le tracce seminate nei paragrafi precedenti. Le scene di coppia sono il trionfo della banalità: lei cucina una frittata e lui la sorprende da dietro, lei si veste e lui la guarda di nascosto trovandola bellissima... ne ho citate a sufficienza? Se non basta, c'è la più creativa (?!), quella di lui che si eccita mentre lei è piegata sul tavolo da biliardo pronta a sferrare il colpo. Veniamo al piccante? Meglio di no. Nemmeno i più sofisticati attrezzi da bondage sono bastati all’autrice inglese per infondere una minima carica erotica al romanzo. Forse se l’avesse buttata sul ridere avrebbe almeno tenuto viva l’attenzione del lettore che - primo caso nella storia umana – qui corre il rischio di addormentarsi durante una scena di sesso, uomo o donna che sia. Una miglioria però a essere onesti la Jones l’ha apportata: qui Grey sfoggia un umorismo rimasto nascosto nel primo volume. Lo compensa il carattere di Ana, che diventa ancora più servile e banale. Ha appena iniziato un nuovo lavoro e passa il tempo a riascoltare le canzoni che Grey le ha fatto trovare sull’iPad, il suo ultimo regalo. La realtà sarà anche questa per i ricconi del ventunesimo secolo, ma almeno nei libri il romanticismo potrebbe trovarsi in un tramonto, invece che in un tablet!



Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER