Darkest mercy – Discordi armonie

Darkest Mercy – Discordi armonie
Regola n°10: non accettare cibo o bevande fatate perché potresti smarrirti nell’oblio. Regola n°11: non ascoltare la loro musica perché il tempo per te non avrebbe più senso. Regola n°12: non ballare con loro, non abbracciarli o baciarli perché il loro tocco potrebbe intrappolarti in un mondo parallelo. E soprattutto non dimenticare mai i miti e le storie di folklore locale; possono non essere accurati ma nelle leggende solitamente si nasconde un fondo di verità. E la verità per la regina dell’Estate Aisleen è arrivata come una doccia fredda. Il suo fatato consorte, Keenan, è scomparso lasciandola sola e insicura alla guida del suo popolo. Anche le altre Corti sono in piena emergenza. La Regina dell’Inverno Donia, è spaventata dai sentimenti proibiti che prova verso il suo antagonista e fidanzato Re dell’Estate, mentre il Re del Buio Niall deve imparare a convivere con il grande vuoto che la morte di Irial, suo predecessore e amico, ha lasciato in lui. Più crescono le preoccupazioni e le difficoltà dei regnanti fatati e più si indeboliscono le Corti, lasciando a Bananach, incarnazione della Guerra, campo libero per i suoi crudeli propositi di distruzione. Ma come si potrà fermare la gemella della Regina Suprema senza rompere gli equilibri di tutto il Mondo Fatato e del suo popolo?...
Ridendo e scherzando (si fa per dire!) siamo giunti alla fine della fortunata saga Wicked Lovely, premiata delle numerose copie vendute su tutto il globo e con l’ambito Rita Awards, premio per il miglior “American romance YA novel”. La storia di quest’ultima puntata riparte dalle vicende del precedente romanzo, coinvolgendo infine tutti gli attori incontrati dal primo libro e completando le sottotrame lasciate in sospeso. I personaggi si alternano in un turbine di azione e suspense, data anche dal costante alternarsi di voci narranti. Molta introspezione, quindi, importante per la caratterizzazione dei personaggi ma talvolta indigesta e ridondante. Anche in questo caso il tema dell’equilibrio è centrale, tanto da giustificare stravolgimenti di ruolo e di personalità in virtù di un bene supremo. In pieno accordo con il sottotitolo italiano “discordi armonie”, le Corti sembrano abbandonare i consueti contrasti per unirsi in un grande gruppo coeso contro Bananach, personaggio ambivalente e crudele che sembra aver perso il suo ruolo ufficiale di incarnazione della Discordia per avvicinarsi progressivamente alla Guerra. Curiosa la scelta dei fatati regnanti che per combattere La Guerra decidono di ricorrere proprio ad una grande battaglia… Per la felicità di tutti i fan, il tanto agognato happy ending ci sarà, anche se poco happy e molto amaro, visto il finale frettoloso e riduttivo, che altera vistosamente il ritmo della narrazione. Da equilibrato e cristallino, diventa infatti frenetico e confusionario, quasi la scrittrice abbia deciso di liquidare velocemente un prevedibile e scomodo finale. Un’ultima incognita: avete mai percepito un soffio d’aria calda sulla pelle o un brivido di freddo, un pizzico o uno spintone, un lieve scampanellio o una risata? Se guardandovi intorno non vedete nessuno, allora ricordatevi le Regole. Mantenete la calma… Non vi succederà nulla o forse potreste vivere la migliore avventura di tutti tempi, ma non dimenticate: loro esistono e possono essere ovunque!!!

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER