Dialogo sull’Islam tra un padre e un figlio

Dialogo sull’Islam tra un padre e un figlio
L’Ebraismo, il Cristianesimo, l’Islam. I tre monoteismi. Ciascuno di essi rivendica esclusivamente per sé l’unica verità rivelata da Dio: messa così è chiaro che almeno due debbano ingannarsi su questo punto. Così come è chiaro che chi creda che esista qualcosa come «il» cristianesimo, «l’»ebraismo o «l’»islam sia destinato a rimanere deluso: ciascuna di queste religioni ospita e anima in sé decine e decine di rivoli spirituali, teologici, filosofici. Qual è dunque l’unica vera religione, volontà, parola di Dio? Il quesito - atavico e spinoso, e con ogni probabilità mal posto - è al momento inevaso. Ma questo non significa che non si possa far luce sui tanti altri aspetti che - soprattutto nel caso dell’islam - restano oscuri non tanto perché difficili, ma perché fraintesi o messi in ombra da luoghi comuni, invettive e slogan che non contribuiscono certo alla chiarezza. I monoteismi sono intrinsecamente intolleranti? Maometto è infallibile? La legge islamica è definitiva? Cosa sono esattamente la shari’a, la fatwa, il jihad? Che posto hanno tra i musulmani le donne? E il terrorismo? E le altre religioni?
Un’opera della bella collana “Campo de’ fiori” diretta da Vito Mancuso per Fazi - scritta in forma di dialogo tra il padre e il figlio - che affronta l’islam a tuttotondo, tanto coraggiosa quanto ponderosa, che cerca di entrare nei territori impervi dell’esperienza e della tradizione religiosa del Medio Oriente arabo - necessariamente a cavallo tra la filosofia, la teologia, la sociologia - con un linguaggio divulgativo che si sforza, nonostante l’impresa sia ardua a causa dell’intrinseca difficoltà di render facili cose effettivamente difficili, di rivolgersi effettivamente a tutti. 400 pagine di antidoto ai tanti pamphlet polemici (quando non facinorosi) che si trovano anche in edicola.

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER