Dio non ha la barba

Dio non ha la barba
Questo piccolo libro parla anche di Dio, quello raccontato nel Vangelo. E poi parla anche di noi, della società e dei suoi mali, parla della vita e della morte, del tempo, delle cose importanti, di quanto sono diverse sa quelle che “sembrano” importanti. E ne parla con estrema semplicità, e schiettezza. “La lettura di queste pagine vuole essere come una chiacchierata tra due amici in riva al mare”. Il Dio di cui si parla è quello che è oggi dimenticato, non il Dio barba padre-padrone, collerico e proibizionista, non il Dio del “do ut des”, non il Dio nel nome del quale si combatte. È il Dio della vita, dell’amore, dei semplici, degli sfortunati, dei sofferenti; è il Dio delle scelte giuste e difficili. È il Dio senza barba che si contrappone a quello con la barba dell’iconografia tradizionale. “In realtà l’uomo ha creato il Dio con la barba, mentre il Dio senza barba ha creato l’uomo”. E non è il Dio celebrato dalla Chiesa, le cui sale dorate, le effigi preziose non sono, come invece dovrebbero lo specchio del Vangelo, della povertà e semplicità in esso narrata. Una Chiesa intollerante, dedita all’accumulo di potere e di ricchezze che si allontana giorno dopo giorno da Dio. Questo Dio senza barba è anche il punto di partenza per una riflessione di più ampio respiro sulla società, sulla vita dell’uomo, sui valori che sembrano irrimediabilmente perduti, proprio perché si è sempre più distanti da Dio. Perché quando un credente parla di Dio, parla di tutto perché tutto c’entra con Dio. E, secondo l’autore, uno dei drammi del mondo contemporaneo è proprio quello di stare allontanando Dio, assumendo comportamenti che non esprimono amore disinteressato per gli altri e per il creato...
Anche chi non crede si troverà d’accordo con molte delle cose scritte nel libro. L’autore del libro, Gianluca Ferrara, scrittore, agente letterario ed editore, fondatore della casa editrice Edizioni Creativa, ha scritto questo libro per spiegare e “urlare” ai giovani il messaggio cristiano e fargli capire che la vita “non è una gara a chi accumula di più”. Il libro è nato come un quaderno di pensieri scritti di getto, ed è passato attraverso il giudizio di Alex Zanotelli (missionario comboniano per il Sudan dal 1965 al 1978, dal 1994 al 2006 ha vissuto in Kenia a Nairobi nella baraccopoli di Korogocho in cui vivono più di 100.000 persone, nei pressi di una delle più grandi discariche di Nairobi) prima che Ferrara decidesse di pubblicarlo. È importante ricordare che “I proventi ricavati dalla vendita di questo libro saranno devoluti all’associazione Tam Tam per Korogocho per il sostegno dei bambini della baraccopoli che per attutire la fame, sniffano la colla”.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER