The Dirt

The Dirt

Alfieri del glam rock e famosi più per i loro eccessi che per una proposta musicale qualitativamente continua nel tempo, i Mötley Crüe sono la band che forse  più di ogni altra è riuscita a portare all’estremo la filosofia del “Sex,Drugs and Rock’n’roll”. Musicisti e personaggi sopra le righe, in grado di vendere oltre ottanta milioni di dischi in tutto il mondo e di sperperare quantità incredibili di denaro per cause infinite, cauzioni, auto costose e vizi e stravizi di ogni genere, i Mötley Crüe hanno segnato nel bene e nel male una ampia parentesi musicale e comportamentale, mostrando che niente ha successo come l’eccesso…
Uscita per la prima volta nel 2001 ma pubblicata in Italia oltre dieci anni dopo, The Dirt è una biografia corposa e ricca su un gruppo che può vantare diverse esperienze da raccontare. Narrata dai singoli membri in capitoli “point of view” (con l’ausilio del giornalista e scrittore Neil Strauss), è una fragorosa e pacchiana carnevalata che alterna sapientemente divertimento, fama, grossolanità, abusi assortiti e, soprattutto, eccessi di ogni genere, non rinunciando comunque a qualche momento di lucidità in cui senza vergogna questi protagonisti glitterati e folli mostrano le loro debolezze e riflettono sulle (tante) cazzate che hanno costellato la loro vita al massimo. Il racconto è ubriacante e il lettore viene sopraffatto ogni volta da aneddoti talmente assurdi e paradossali da far sorgere più di qualche dubbio sulla loro veridicità. I quattro però giurano che è tutto vero e, a vederli bene, potrebbero anche aver ragione. Per citare una loro canzone, ecco a voi il White Trash Circus. Prendere o lasciare.

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER