Due mondi a confronto

Due mondi a confronto
Per Walt Disney gli animali - che siano cani, gatti o topi poco importa - assomigliano tutti alla specie umana. Pensano come noi, sentono come noi, agiscono come noi. Sono intelligenti e soprattutto hanno un gran senso morale. Per lo psicologo Burrhus Skinner invece, esponente del behaviorismo insieme al più noto Ivan Pavlov, il comportamento animale sarebbe semplicemente la risposta a stimoli esterni, scevro da qualsivoglia implicazione emozionale. Tra questi due estremi si collocano le più moderne scoperte scientifiche sul comportamento canino, a cui si ispira il modello zooantropologico e a cui fanno riferimento i modelli educativi con approccio “gentile”. La panacea della dominanza, così in voga fino al decennio scorso ma tutt’ora in auge per molti addestratori “vecchia scuola”, determina un approccio all’educazione spesso basato su metodi coercitivi che non si dimostrano certo più efficaci rispetto ai metodi inclini al rispetto per la diversità di specie…
Proprio per questo motivo la traduzione italiana di questo saggio della canadese Jean Donaldson, una delle addestratrici più famose al mondo, uscito alla fine degli anni novanta con il titolo originale The Culture Clash, si dimostra quanto mai attuale. Angelo Vaira, personaggio influente della cinofilia italiana e curatore della collana a cui appartiene questo saggio, lo definisce “una pietra miliare della letteratura cinofila” individuandolo come “manifesto dei metodi gentili”. Quello che è certo è che si tratta di una lettura interessante, sia per chi vive in generale con un cane sia per chi se ne occupa per lavoro, che con uno stile semplice e chiaro fornisce risposte, stimola curiosità all’approfondimento, insegna tecniche ed esercizi attuabili da subito, con una visione senza dubbio più affine ad un approccio emozionale piuttosto che meccanicistico e antropocentrico.

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER