Entra nella mia vita

Entra nella mia vita
Madrid. Veronica ha sempre provato un certo brivido alla vista di quella cartelletta di pelle di coccodrillo sul ripiano più alto dell’armadio. Non sa che aprirla significa recuperare un passato doloroso. C'è una foto. Il ritratto di una bambina di circa 12 anni, bionda. Si chiama Laura. Quel nome Veronica l'ha sentito pronunciare spesso dalla madre: in quei momenti il suo umore subiva sempre una certa variazione repentina, anche il suo volto sembrava cambiare improvvisamente i connotati. Poi c'è quell'amica della mamma, Ana, un po' strana a dire la verità, con un cane altrettanto sui generis. Sempre perfetta, donna di mondo, con la quale Betty, la mamma, parla e si sfoga spesso, facendo sempre lo stesso nome. Laura. Fino a quel momento, quello del ritrovamento della foto, non aveva alcun senso. E Laura torna anche in alcune discussioni tra mamma e papà, specialmente quando Betty diventa improvvisamente di malumore. Veronica passa giornate intere a guardare e riguardare quella foto, sperando di scorgere di volta in volta un particolare nuovo, che prima non aveva notato. Ha circa 10 anni quando ritrova la foto ed è quello il momento in cui decide di scoprirne di più. Sono anni di difficoltà, malessere, fino a quando Betty non si ammala gravemente e fino a quando Veronica non scopre che quella Laura è sua sorella. La cerca, la trova, ma Laura ormai ha una vita tutta sua, ben lontana da quella di Veronica. E soprattutto Laura ha una madre, Greta, e una nonna di ferro, Lilì. Ma è necessario per Veronica sapere tutto, anche se questo vuol dire far crollare tutto il mondo attorno a sè…
Entra nella mia vita è un titolo azzeccatissimo per un romanzo che ti entra nelle ossa, ti svuota e ti riempie allo stesso tempo. Clara Sanchez racconta la storia di Veronica con pathos e coinvolgimento, senza sfiorare minimamente, come sarebbe stato facile, il puro sentimentalismo. La corsa e la ricerca di Veronica profumano quasi di thriller. Veronica e Laura si alternano tra i capitoli in modo concitato, quasi disorientando il lettore, che a un certo punto si ritrova a chiedersi chi stia facendo cosa. Due facce della stessa medaglia: Veronica sa tutto di Laura, sa che sono sorelle, mentre Laura è completamente all'oscuro della situazione e continua a vivere normalmente una vita normale solo in apparenza. Sì, non ha un padre, ma quante sono al mondo le figlie di una ragazza madre? L'abilità descrittiva della Sanchez ci va vedere e toccare i movimenti di Veronica, le sue sensazioni, il dolore di Betty e l'inadeguatezza del marito Daniel. Un romanzo in cui il lettore accompagna con ansia Veronica nel tentativo di chiudere la battaglia con il passato, è lo stesso lettore che vorrebbe svegliare Laura dal suo torpore e dalla sua aura di perfezione, proprio come vorrebbe svegliarla Veronica. Entra nella mia vita, Laura.

Leggi l'intervista a Clara Sánchez

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER