Eroi quotidiani

Eroi quotidiani

A pochi chilometri da Bergamo abita Jenni Cerea, da anni costretta in un letto da una malattia cerebrospinale degenerativa dal nome difficilissimo. La sua tenacia e la determinazione della sua mamma, la portano in America per una serie innumerevole di interventi. Da affrontare, rigorosamente, con il sorriso. Quel sorriso che Stefania Senno ha perso il 10 luglio 1976: la diossina del disastro ambientale di Seveso le devasta il volto, un volto ancora bambino. A Milano, Giancarlo Scuotto, imbianchino, perde il lavoro e presto anche la casa. Sistemata l’amata moglie e le sue quattro desiderate figlie presso amici e parenti, va a vivere in un box di otto metri per tre. Devono trascorrere quattro lunghi e difficili anni prima di ricongiungere la sua famiglia. In provincia di Foggia nasce Felice Tagliaferri, emigrato con la sua famiglia presto a Bologna in cerca di fortuna. Non sa che di lì a qualche anno perderà completamente la vista per una malattia genetica. Questa mancanza si trasforma, però, in forza, approdando alla scultura. Federica Bovolenta, moglie del campione di volley Vigor Bovolenta, non riesce a smettere di chiedersi perché suo marito sia andato via. Sparito senza una parola, senza spiegazioni, all’improvviso. Il suo cuore ha smesso di battere. Ma non di esistere nella vita di Federica…

Solo un assaggio, solo una parte delle cinquanta storie di ordinaria eroicità. Uno spaccato della nostra società e delle difficoltà nelle quali siamo immersi da troppo tempo. Eppure c’è chi non si arrende, chi non si rassegna. Chi lotta e reagisce. Ma soprattutto chi non smette di sperare e cerca di volgere gli eventi a proprio favore. In tutti i racconti torna prepotente la forza del sorriso, la voglia di mordere la vita. Nonostante tutto. Senza gesti eclatanti, nella fatica del quotidiano, Giovanni Terzi scrive, con uno stile diretto e un linguaggio semplice, di storie di gente comune, le stesse storie che ha raccontato nel programma “Unomattina in Famiglia” di Raiuno, all’interno della rubrica “Ricomincio da me”. L’amore, la solidarietà, il coraggio non fanno notizia e quei piccoli grandi gesti quotidiani che segnano vite e storie rischiano di cadere nell’oblio. ‘Eroi quotidiani’ nasce con il dichiarato intento di non dimenticare, di testimoniare la forza dirompente che credere (in sé o nell’Assoluto) può avere nel grigiore modesto delle vite vissute senza coinvolgimento. Terzi coinvolge ma non appassiona, crea interesse ma manca di pathos: l’ingerenza dell’autore nelle storie crea un filtro con i personaggi, accentuato dal racconto delle esperienze con il linguaggio della cronaca. Resta, comunque, la sensazione di fiducia nel futuro. Ma soprattutto di fiducia nell’Uomo.



0

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER