Ferrari the best

Ferrari the best

C’era una volta un modenese chiamato Enzo Anselmo Ferrari, innamorato sin da bambino di quel prodigio della tecnica che era l’automobile e che nel 1920 riuscì addirittura a pilotare per la prima volta uno dei bolidi della prestigiosa Alfa Romeo. Non era un cattivo pilota il Ferrari, ma dentro di sé sapeva che avrebbe potuto dare il massimo soltanto con una sua propria casa automobilistica. Inizialmente fu la volta della Auto Avio Costruzioni, fondata nel 1930, ma fu con la Scuderia Ferrari che Enzo riuscì a mostrare al mondo intero il suo genio. L’esordio nelle corse è datato 1950, al Gran Premio di Monaco, mentre per la prima vittoria bisognerà attendere circa un anno, con Josè Froilàn Gonzalez che metterà tutti in fila nel Gran Premio di Gran Bretagna. Da quel momento in poi seguiranno vittorie roboanti, con la conseguente affermazione di un marchio, quello del cavallino rampante – gentilmente suggeritogli dalla madre dell’aviatore Francesco Baracca – che ancora oggi è simbolo di classe, eleganza e velocità…

Pubblicato per festeggiare i settant’anni della rossa più amata, Ferrari the best è un viaggio mozzafiato attraverso i modelli, i personaggi e i luoghi che hanno portato la casa automobilistica fondata da Enzo “Il Drake” Ferrari sul tetto del mondo. In questi settant’anno la scuderia del cavallino rampante ha affrontato gioie e dolori, profondi lutti (incolmabile, tra gli altri, quello di Gilles Villeneuve) e vittorie entusiasmanti, rimanendo associata nella memoria dei fan più recenti alle imprese di Michael Schumacher, colui che è riuscito a riportare la Ferrari ripetutamente in cima alle classifiche della Formula 1. Tuttavia la storia della casa di Maranello è popolata anche da altri personaggi, più o meno vincenti, che hanno lasciato un segno indelebile nei cuori dei tanti tifosi e appassionati di questo meraviglioso sport che flirta costantemente con la velocità e lo sprezzo del pericolo. L’appassionato e il neofita hanno di che bearsi scorrendo pagine e pagine di informazioni e immagini, opportunamente raccolte in una confezione che non può non risultare anche un’accattivante idea regalo. Un lavoro ben confezionato e sapientemente articolato, seppur nel suo intento agiografico e auto celebrativo, che si avvale di centinaia di immagini e contributi inediti per raccontare il sogno divenuto realtà dell’uomo che nell’ormai lontano 1947 decise di costituire la Scuderia Ferrari.



Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER