Fragile umanità

Fragile umanità

Leonardo Caffo ha scritto questo saggio nel dipartimento di Anatomia di una delle Università presso cui lavora. Sembrerebbe strano. Un filosofo all’interno del dipartimento di Anatomia. Eppure è esattamente il luogo migliore secondo Caffo da cui poter partire per spiegare il concetto di “postumano”. Qualcuno è in grado di pensare al di la dell’umano? Oltre i limiti del nostro scheletro assunto a modello di vita? O a tutto ciò che c’è sicuramente stato prima della nostra comparsa nella sfera dell’apparire e dell’essere? Certo, possiamo provarci. All’inizio ci sembrerà una impresa quasi impossibile perché la nostra mente ci pare del tutto inadeguata a questa impresa. Caffo vuole spingere il nostro pensiero oltre i limiti dell’antropocentrismo, oltre i limiti del nostro vivere consueto. L’uomo è al centro del mondo. Esattamente come, secoli fa, il sistema tolemaico ha posto al centro dell’Universo la Terra. Noi continuiamo a sfruttare la terra, gli animali, tutto ciò che ci circonda come se tutto ci fosse dovuto, come se fossimo gli unici esseri viventi. La denuncia di Caffo sullo sfruttamento di tutte le risorse del nostro pianeta è durissima. Dovremmo andare “oltre”. Pensarci parte del tutto. Superare l’antropocentrismo, che secondo Caffo ha fallito, e provare ad essere donne e uomini che affrontano la vita in maniera molto diversa da quello che siamo abituati a fare nel quotidiano. Il “postumano” oltre che un concetto filosofico potrebbe essere un nuovo approccio al nostro modo di vivere…

Fragile umanità è l’ultimo lavoro di Leonardo Caffo, classe 1988, uno dei filosofi più promettenti del nostro Paese, che lavora tra Torino e Milano. Le riflessioni di Caffo sul rapporto tra l’uomo e gli animali sono state pubblicate in più volumi. La sua idea è che bisogna tornare a considerare il nostro pianeta e gli animali con il rispetto che meritano. Non considerarli solo come “carne da macello” ma come esseri senzienti da non torturare e massacrare per portare avanti una idea di sviluppo che mostra sempre più i segni del suo fallimento. In questo lavoro, Caffo compie un passo oltre. Fermo restando queste basi, si concentra sull’uomo e sul superamento del nostro approccio al mondo come se tutto potesse ridursi alla nostra percezione. Il “postumano” è una idea filosofica che non coinvolge solo la filosofia ma si estende all’architettura, all’arte. È un nuovo modo di approcciare la nostra vita quotidiana. Se la politica e l’economia sono ancora sorde e cieche di fronte a questi nuovi input, tocca al cittadino confrontarsi con un nuovo modo di pensare. Fragile umanità è un saggio breve ma estremamente intenso, ricco di spunti di riflessione. Caffo è un filosofo e le sue idee sono ovviamente supportate da un vastissimo apparato filosofico: la sua opera è godibilissima anche dai non addetti ai lavori. Anzi. Chi si cimenta con la lettura di questa opera, troverà molti spunti per approfondire le sue conoscenze, per avvicinarsi alla filosofia e per mettere in discussione il nostro comune modo di pensare. Leggere Leonardo Caffo è un piacere perché sa spronarci a guardare in direzioni che non conosciamo, a provare a cambiare la nostra vita, a superare i limiti del nostro essere.



Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER