Germania anni Dieci

Germania anni Dieci
Lidl è il più grande e frequentato discount d'Europa: i suoi prezzi sono estremamente competitivi. Starbucks è uno dei franchising americani più conosciuti al mondo: caffè aromatizzati, dolcetti, connessione gratuita e un merchandising accattivante accolgono il cliente nello stesso modo ovunque. La Deutsche Bahn, la ferrovia statale tedesca, è una delle più efficienti e puntuali al mondo. Una nuova generazione di avvocati d'assalto a supporto delle grandi aziende consentono a queste ultime di spingere ai massimi livelli flessibilità nelle assunzioni e organizzazione interna. GSL è un gruppo logistico leader in Europa che supporta e garantisce spedizioni veloci per tutti i nostri acquisti online. Queste realtà lavorative nella fiorente e avanzata Germania sembrano garantire progresso e posti di lavoro: Günter Wallraff, ormai un'istituzione nel giornalismo d'inchiesta, decide di analizzarle come sua prassi dall'interno, facendosi assumere sotto copertura così da svelarne i segreti e i lati oscuri…
E non si può che restare profondamente sconvolti e inorriditi di fronte alle pessime condizioni lavorative in cui versano tutti i lavoratori, dalle“formiche” delle grandi catene internazionali ai manager e dirigenti di realtà ben conosciute: costretti a turni massacranti e in condizioni ambientali spesso disastrose i primi, con gravi ripercussioni su salute e vita sociale, soggetti a pesantissimo mobbing e veri e propri ricatti morali i secondi, spesso forzati a scegliere tra la propria carriera e necessità aziendali sempre più crudeli e immorali a scapito dei lavoratori più deboli. Wallraff si conferma non solo un eccellente investigatore, ma una grande penna, in grado di descrivere accuratamente situazioni difficili con la credibilità che gli conferisce aver testato le fonti sulla propria pelle, e senza indulgere - neanche nei casi più patetici - in un facile pietismo o al gusto per il  melodramma che molto spesso affligge i reporter italiani davanti a realtà drammatiche e dolorose. Una grande lezione di giornalismo e uno sguardo spietato al di là dell'opulenza e della forza teutonica che vale sicuramente la pena leggere per assumere più consapevolezza di una realtà ormai globalizzata e quindi necessariamente da conoscere al di là dei propri confini nazionali.

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER