Gli amori di Frida Kahlo

Gli amori di Frida Kahlo

La prima volta che Frida Kahlo – destinata a diventare una delle artiste più famose di tutto il Novecento – incontra Diego Rivera, il suo amore di tutta la vita, è nell’anfiteatro della Scuola Nazionale Preparatoria di Città del Messico. Rivera è impegnato a dipingere un murales all’interno della scuola più elitaria di tutto il Messico. È lì che studia Frida. Lei è ancora giovanissima e lui già un artista affermato in tutto il mondo. Si rincontrano alcuni anni dopo, quando Frida ha superato il terribile incidente che la costringerà a letto per buona parte della sua vita e le causerà conseguenze tremende per la sua salute. Tra loro è subito amore. Un amore profondo e tormentato. Non riescono a vivere assieme perché sono in continuo conflitto. Frida non perdona a suo marito i suoi costanti tradimenti e Diego è geloso delle relazioni sentimentali che Frida riesce ad intraprendere. Entrambi hanno una personalità magnetica e attraggono a loro molti uomini e donne. Si separano. Frida ha altre relazioni ma è a Diego che va sempre il pensiero. È con lui che desidera trascorrere la sua vita. Torneranno assieme. Stavolta sarà l’artista messicana a decidere la modalità: Diego potrà avere altre donne e Frida altre relazioni. Ma resteranno assieme, saranno sempre uno il punto d’approdo dell’altra. Sarà Diego a restare vicino a Frida quando il suo corpo sarà troppo provato e debole per continuare a vivere, quando sarà costretta a letto e lentamente si spegnerà ancora giovane…

Gli amori di Frida Kahlo è un saggio molto interessante che sceglie come filo rosso, per raccontare la vita di una delle più celebri e celebrate artiste del Novecento, le sue storie d’amore. Quella più importante con Diego Rivera fa da sfondo alle innumerevoli altre relazioni che l’artista messicana avrà durante tutta la sua vita. Dal suo primo amore giovanile Alejandro Gomez Arias, che la salverà in occasione dell’incidente stradale che ha segnato lo spartiacque nella vita di Frida fino alla relazione presunta con Lev Trockij, che era ospite in Messico con sua moglie durante la sua lunga fuga perseguitato dal regime sovietico, passando per la relazione probabile con la fotografa Tina Modotti o attraverso il tradimento di Diego con Cristina, sorella di Frida. Quest’ultima relazione extraconiugale spezzerà il cuore della Kahlo che, nonostante tutto, avrà sempre un rapporto privilegiato con sua sorella Cristina e continuerà ad amare follemente Diego Rivera. Valeria Arnaldi, scrittrice e critica d’arte, in un agevole volume riesce a raccontare Frida Kahlo, a darci una idea di quella che è stata la sua vita: bellissima e tormentata, fatta di amori struggenti e passionali e di sofferenze fisiche e dell’anima. Resta al lettore la voglia di approfondire quello che la Arnaldi tratteggia con grande perizia. Frida Kahlo è un’artista e una donna complessa che merita di essere conosciuta non solo per i suoi amori, che sono per la maggior parte noti a chi si è mai interessato a lei, ma per il suo corpus artistico che è, di certo, legato indissolubilmente alla sua vita privata.



 

 

 

 
 
 
 

Potrebbero piacerti anche

Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER