Goodbye, Adolf

Goodbye, Adolf
1965, Germania. Udo è un ragazzo chiuso, complicato. Da 15 anni lavora come uomo di fatica in uno zoo nei pressi di Amburgo. Da 10 anni sta con un ragazzo del quale non ricorda più il nome (e d'altra parte non ha il coraggio di chiederglielo). Da 20 anni sua madre è in coma vegetativo. Ci è entrata una mattina nevosa dopo aver nascosto una valigia piena di lingotti d'oro persa da una macchina in fuga durante i giorni convulsi della caduta della Germania. Da 20 anni suo padre è morto. Nel sonno. Anche la sorella di Udo, Ute, è omosessuale, e ha una relazione con la voluttuosa Fatima. Quando la madre di Udo e Ute si risveglia inaspettatamente dal coma, si trova in un mondo completamente diverso da quello che ha lasciato. I medici, per impedire che sia vittima di uno shock troppo forte, pregano i figli di farle credere che il III Reich sia ancora in piedi, e che Hitler governi ancora la Germania. E' l'inizio di bizzarri avvenimenti nei quali realtà e fantasia si confondono...
La Germania del dopoguerra dormiva un sonno inquieto, popolato di fantasmi: le folle che avevano inneggiato al Fuhrer avevano dovuto piegare il capo e imparare la vergogna, una intera cultura era stata ficcata in lavatrice con la varechina e denazificata a forza. Ma quante crepe profonde nella coscienza delle masse, quante ombre oscure nell'immaginario collettivo, quanti segreti innominabili a riecheggiare in notti silenziose e inquiete. Il giovane italo-ucraino-tedesco Zadeka inzuppa il biscotto in questo latte velenoso, ed è abilissimo nel tratteggiare con sprazzi di parole e spruzzi di pensieri il suo plot surreale e inquietante, oltrepassando i confini del minimalismo per entrare in una dimensione straniante, nella quale la critica sociale e politica in salsa grottesca della tradizione brechtiana, la narrativa gay militante e la poesia d'avanguardia si ibridano per dare vita a qualcosa di complesso senz'altro, ostico forse, ma certamente anche davvero molto originale. Davvero. E non succede spesso, no.

 

 

 

 
 
 
 
Il nostro sito utilizza i cookie ACCETTO
Se vuoi saperne di più COOKIE POLICY

I NOSTRI PARTNER